Categoria: CALABRIANEWSREGGIO CALABRIA

Regione Calabria, lavori IV Commissione

Tags: regione calabria

La quarta Commissione consiliare “Assetto ed Utilizzazione del territorio-Protezione dell’Ambiente”, presieduta da Gianluca Gallo, ha approvato a maggioranza, con il voto contrario del consigliere Domenico Talarico, la proposta di legge n. 486/9, d’iniziativa della Giunta recante: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale del 16 aprile 2002 n. 19 e s.m.i (Norme per la tutela, il governo ed uso del territorio – Legge Urbanistica della Calabria)”.
Tale provvedimento prevede la proroga al 19 giugno 2014, del termine stabilito per i Comuni per l’adozione dei Piani strutturali comunali.
“Si è venuto incontro alle esigenze dei comuni che, comunque, in questo ultimo periodo hanno proceduto, più velocemente di quanto avvenuto in passato, all’istruttoria dei piani strutturali comunali, non pervenendo alla definiva approvazione, magari per una serie di concause contingenti” – ha commentato il presidente Gianluca Gallo.
“In ogni caso, dal dibattito è emersa – anche da parte dei consiglieri che hanno votato il provvedimento – la volontà unanime di considerare come ultima questa proroga del termine” – ha concluso il presidente.
Nel prosieguo, l’organismo ha proceduto all’esame abbinato delle proposte di legge, rispettivamente a firma dei consiglieri Giovanni Nucera e Gianpaolo Chiappetta “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale del 30 marzo 1995 n. 8”.
L’articolato normativo, che è stato approvato all’unanimità, prevede una sanatoria delle occupazioni senza titolo degli immobili di edilizia residenziale pubblica alla data del 30 giugno 2013, purchè in presenza di determinati presupposti.
Successivamente, la Commissione ha preso in esame il progetto di legge n. 478 “Modifiche ed integrazioni all’art. 13 della legge regionale 26 del 2013 ‘Modifiche ed integrazioni alla legge regionale del 17 maggio 1996 n. 9 (Norme per la tutela e la gestione della fauna selvatica e l’organizzazione del territorio ai fini della disciplina programmata dell’esercizio venatorio”), presentato dal presidente della seconda Commissione Candeloro Imbalzano e cofirmato dal vicepresidente del Consiglio regionale Alessandro Nicolò.
Dopo una breve sospensione – avendo i consiglieri Pasquale Tripodi e Domenico Talarico abbandonato l’Aula – il presidente ha proceduto alla verifica del numero legale e la Commissione ha licenziato all’unanimità dei gruppi presenti l’articolato normativo. Con questo provvedimento che garantisce l’impianto normativo della legge n. 26/2013, si stabilisce il differimento del rinnovo delle Commissioni provinciali di esame per l’abilitazione venatoria alla prossima legislatura.
Alla seduta hanno partecipato il vicepresidente del Consiglio regionale Alessandro Nicolò, il presidente della II Commissione Candeloro Imbalzano, il segretario-questore Giovanni Nucera, i consiglieri Fausto Orsomarso, Giulio Serra, Ennio Morrone, Pietro Crinò, Mario Magno, Domenico Talarico, Pasquale Tripodi, Antonio Scalzo, Enzo Ciconte ed Emilio De Masi.