fbpx

Messina, conclusa la festa Cgil

imagesSi è conclusa ufficialmente ieri sera la 3^ edizione della Festa della Cgil di Messina che quest’anno oltre alla tappa principale nel comune capoluogo, ha toccato anche i comuni di Milazzo e Capo d’Orlando con la formula ormai collaudata che alterna i momenti di approfondimento politico a musica, spettacoli, gastronomia.
Soddisfatti gli organizzatori che quest’anno avevano scelto “Piazze del Lavoro” come slogan dell’iniziativa per sottolineare cosa la Festa fosse, “Un’occasione per incontrarsi, confrontarsi e avviare percorsi condivisi su temi nodali del momento: il contrasto alla crisi, il rilancio produttivo delle vocazioni del territorio, la spinta per la difesa del lavoro e per nuova occupazione”, osserva Lillo Oceano segretario generale della Cgil di Messina.
Grazie ai numerosi ospiti delle istituzioni, del mondo dell’imprenditoria, del sindacato, agli esperti, la Festa della Cgil si è trasformata in ognuna delle sue tre tappe in una sorta di Laboratorio politico per i prossimi mesi, dall’incontro confronto tra il sindaco Accorinti e il presidente Crocetta della giornata inaugurale a Messina fino al dibattito di ieri sera tra il mondo del lavoro orlandino e i rappresentanti delle istituzioni regionali e locali, passando per la tavola rotonda milazzese che ha visto un serrato dibattito sulle prospettive future di quel territorio.
Clou anche quest’anno della Festa è stato l’intervento del segretario generale del sindacato di Corso d’Italia che per l’occasione è stata intervistata sia da Luca Telese sui mi della politica nazionale e del lavoro, sia da gruppi di studenti dell’università di Messina che hanno evidenziato il problema lavoro, futuro e rappresentanza al tempo del precariato per i giovani.
“Complessivamente dagli incontri che hanno scandito le tre tappe della Festa è emersa forte una domanda di collaborazione fattiva da parte delle istituzioni che per troppi anni non si sono occupate di promuovere le potenzialità e le aziende che volevano davvero fare impresa nel territorio- spiega Oceano-. Ci auguriamo che possa ora avviarsi una nuova fase più proficua di collaborazione tra forze sociali e istituzioni per rilanciare il lavoro e l’economia della nostra terra”.
La Festa Cgil non è stata solo momento di approfondimento politico ma anche occasione di svago e divertimento con i concerti, la musica, gli spettacoli.
A Capo d’Orlando venerdì sera si è esibito il gruppo etno-folk Allurakì e grande successo ha riscosso lo stand di gastronomia tipica organizzato in collaborazione con il ristorante orlandino “I Carusi”.