fbpx

Conferenza Presidenti Consigli Regionali: approvato odg su cooperazione Euro-Mediterranea

/

IMG_3948webLa Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome, ospitata dal presidente Francesco Talarico, ha approvato un ordine del giorno su un’azione mirata ad una più incisiva presenza dell’Italia negli spazi di collaborazione e di crescita nel Mediterraneo.

Il via libera è arrivato nel corso dell’Assemblea plenaria, svoltasi oggi a Reggio Calabriaa cui hanno preso parte, oltre al presidente Talarico ed al coordinatore Eros Brega (Umbria), i presidenti Nazario Pagano (Abruzzo), Paolo Romano (Campania), Franco Iacop (Friuli Venezia Giulia), Daniele Leodori (Lazio), Raffaele Cattaneo (Lombardia), Vittoriano Solazzi (Marche), Vincenzo Niro (Molise), Valerio Cattaneo (Piemonte), Giovanni Ardizzone (Sicilia), Emily Rini (Valle d’Aosta) e ClodovaldoRuffato (Veneto).

In rappresentanza del Presidente Scopelliti è intervenuto l’assessore Luigi Fedele. Hanno partecipato il vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Alessandro Nicolò e il consigliere Antonio ScalzoAlla seconda parte dei lavori ha preso parte il ministro per la Pubblica Amministrazione e la semplificazione, Giampiero D’Alia.

“E’ assolutamente necessario – ha detto il ministro – che il Governo abbia un confronto permanente con le Assemblee legislative regionali, aprendo un canale stabile, fatte salve le prerogative della Conferenza Stato-Regioni. Nel cosiddetto decreto del ‘fare’ sono presenti – ha continuato D’Alia – molti temi sui quali Governo e Consigli regionali devono collaborare, nelle modalità previste e in altre da prevedere con il Ministro e con le strutture del Dipartimento della Funzione pubblica, per il ruolo strategico rivestito dai chi è materialmente estensore di leggi”.

“Sono molto gratificato dal fatto che tutti i miei colleghi presidenti dei Consigli regionali – ha affermato il presidente Talarico – hanno voluto appoggiare, con la loro approvazione, le richieste al Governo per l’avvio di politiche di partenariato economico, sociale, culturale e umano, che le coinvolgano tutte, con la prospettiva di stabilità e pace con i Paesi dell’area sud del Mediterraneo”.

“La creazione di una ZES (zona economico speciale) a Gioia Tauro, approvata dal Consiglio regionale della Calabria – ha continuato Talarico – rappresenta un’opportunità per cogliere al volo le prospettive dell’area mediterranea”.

“Ringrazio sentitamente il ministro D’Alia – ha sostenuto il coordinatore Brega – per aver voluto partecipare ai lavori della nostra Conferenza. Abbiamo consegnato ed illustrato al ministro l’ordine del giorno sulle riforme approvato lo scorso 7 giugno sul superamento del bicameralismo perfetto, la riorganizzazione dei livelli di Governo locale, la razionalizzazione funzionale dei ministeri e la prosecuzione del processo di riforma del federalismo fiscale”.

“Abbiamo anche presentato il Manifesto delle assemblee regionali a favore di un impiego diffuso di strumenti e metodi per valutare l’efficacia delle politiche, approvato a Bari di recente – ha concluso Brega – tema che da sempre vede il soffermarsi dell’attenzione dei nostri Consigli”.