Sicilia, incontro alla Presidenza della Regione per la vertenza degli ex lavoratori di Emergenza Palermo

imagesSi è svolto oggi il tanto atteso incontro alla Presidenza della Regione per la vertenza degli ex lavoratori di Emergenza Palermo.
Nel corso dell’incontro l’Assessore Bonafede ha comunicato il percorso che riguarda i lavoratori che, specificatamente, prevede una fase di transizione attraverso l’utilizzo dell’ASPI e dell’integrazione regionale, finalizzata comunque all’assegnazione del personale presso gli Enti utilizzatori che ne hanno fatto richiesta.
Mimma Calabrò – Segretario Generale Fisascat Cisl Regionale Sicilia – afferma: “L’incontro di oggi ha sortito gli effetti desiderati. L’Assessore ha confermato che utilizzo dell’ASPI e del contributo regionale è da intendere solo come fase di transito finalizzata al reinserimento dei lavoratori negli Enti che ne hanno avanzato richiesta. Abbiamo, inoltre, appreso con grande soddisfazione che la Prefettura di Palermo, la Questura e il Tribunale del Lavoro hanno richiesto che venisse aumentato il numero dei lavoratori del bacino precedentemente assegnatogli a prova del fatto che “Piano per l’occupabilità dei soggetti svantaggiati dell’area metropolitana della città di Palermo” ha realmente riscattato socialmente le migliaia di persone inserite nel bacino. Tanto è stato fatto ma tanto ancora c’è sicuramente da fare e per questo si è convenuto sulla necessità di attivare un tavolo concertativo tra Governo e Sindacati per modificare l’art. 43 della Finanziaria 2013. La Fisascat con la propria RSA vigilerà e attenzionarà tutti i passi successivi per raggiungere l’obiettivo di garantire dignità e stabilità lavorativa alle oltre 3000 persone coinvolte e alle loro famiglie”.