Regione Calabria, prosegue la messa in onda dei programmi per l’accesso radiotelevisivo sulle Reti Rai

CalabriaProsegue la messa in onda dei programmi per l’accesso radiotelevisivo sulle Reti Rai, in attuazione del Protocollo d’Intesa sottoscritto dal Presidente del Corecom Calabria, prof. Alessandro Manganaro e dall’ing. Demetrio Crucitti, Direttore della sede Rai per la Calabria.
Si tratta, come è noto, di spazi di comunicazione ‘autogestiti’, inseriti all’interno dei palinsesti del servizio radiotelevisivo pubblico, in omaggio ai principi del pluralismo dell’informazione e della partecipazione dei cittadini allo sviluppo sociale e culturale del Paese, sanciti dalla Legge quadro n. 103 del 1975 (Nuove norme in materia di diffusione radiofonica e televisiva).
Il prossimo appuntamento è su Rai Tre, martedì 18 giugno, dalle ore 10.00 alle ore 10.15, quando andranno in onda altri nuovi programmi che vedranno protagonisti l’Aias – Associazione italiana Assistenza Spastici di Cetraro; il comune di Bova e Federconsumatori.
Martedì scorso, erano già stati trasmessi i programmi informativi curati da Associazione CIVES PRO CIVITATE, Associazione Volontari Italiani Sangue AVIS REGIONALE CALABRIA, UNICAL, ASSOFORMAC, Associazione CODICI – CENTRO PER I DIRITTI DEL CITTADINO e Azienda CALABRIA LAVORO.
“Stiamo dando seguito alle prescrizioni normative nazionali, in conformità al progetto politico-istituzionale del presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico. L’obiettivo è quello di garantire la pluralità delle opinioni e degli orientamenti politici e culturali realizzando per questa via un autentico momento di democrazia” – hanno spiegato il presidente del Corecom Alessandro Manganaro, i componenti Gregorio Corigliano e Carmelo Carabetta unitamente a Demetrio Crucitti, Direttore della sede Rai per la Calabria.
Si rende noto che la procedura per l’accesso radiotelevisivo viene attivata mediante una specifica istanza al Corecom da parte dei soggetti individuati dalla legge: autonomie locali, gruppi di rilevante interesse sociale, enti ed associazioni politiche e culturali, associazioni nazionali del movimento cooperativo giuridicamente riconosciute, gruppi etnici e linguistici, confessioni religiose, sindacati nazionali, movimenti politici, partiti e gruppi rappresentati in Parlamento ed in Consiglio regionale.
Si ricorda, inoltre, a quanti volessero fare domanda per riservarsi uno spazio autogestito su Rai Tre, di collegarsi al sito http://corecom.consrc.it , alla voce accesso radiotelevisivo nella sezione attività, dove potranno consultare il Vademecum contenente tutti i dettagli tecnici.
Le informazioni sui programmi per l’accesso saranno rese pubbliche anche mediante il sito web del Corecom.