Regione Calabria, l’On.Nucera presenta il Progetto di Legge recante “Norme per la tutela e la valorizzazione della capra aspromontana”

CalabriaSarà presentato domani nel corso di una tavola rotonda il Progetto di Legge, proposto dall’on. Giovanni Nucera recante “Norme per la tutela e la valorizzazione della capra aspromontana”.
L’incontro è fissato per le ore 16.00 presso la Sala “Giuditta Levato” del Consiglio regionale. Molti gli interventi in programma che metteranno a fuoco l’attuale stato della zootecnia calabrese ed aspromontana in particolare.
Aprirà gli interventi, coordinati dal giornalista Giorgio Neri, il dr. Giuseppe Napolitano direttore Coldiretti di Reggio Calabria. Sono previsti gli interventi di saluto del dr. Pietro Molinaro, Presidente Coldiretti Calabria, del dr. Rocco Racco, Presidente dell’Ordine dei Medici veterinari della provincia di Reggio Calabria, del dr. Francesco Saccà, Presidente provinciale Coldiretti di Reggio Calabria, dell’agronoma dr.ssa Enza Aricò e del prof. Giuseppe Zimbalatti direttore del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria. Intererrà l’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra. In programma le relazioni, del cav. Florio De Nardo, Consigliere nazionale dell’Associazione RARE (Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione), del dr. Luca Racinaro, consigliere dell’Ordine dei medici veterinari, della dr.ssa Ornella Falcioni, Revisore dei Conti dell’Ordine dei medici veterinari del dr. Stefano Poeta, Presidente dell’Ordine regionale degli Agronomi. Concluderà i lavori l’on. Giovanni Nucera Segretario Questore del Consiglio regionale della Calabria.
La proposta di legge che sarà presentata domani è destinata a valorizzare, diffondere e consolidare la presenza della capra aspromontana in Calabria, la commercializzazione della carne e dei suoi derivati. “Lo scopo di questa legge – ha spiegato l’on. Giovanni Nucera – è quello di indirizzare questo importante settore economico verso la valorizzazione degli antichi prodotti. E’ inutile, infatti – prosegue l’on. Giovanni Nucera – sviluppare attività che puntino alla quantità, secondo parametri industriali e di capacità distributiva e commerciale che non sono perseguibili nella nostra regione. Occorre, invece, differenziarsi, valorizzando le produzioni tipiche del nostro territorio, come nel case della carne e dei derivati della capra aspromontana”.