Regione Calabria, consumo prodotti a Km 0: emendamento dell’On.Nucera

calabria 1“E’ di pochi giorni fa la notizia che la Corte Costituzionale ha dichiarato l’estinzione del processo relativo al giudizio di legittimità costituzionale di alcuni articoli e commi della legge regionale della Calabria n. 29 del 14 agosto 2008 recante “Norme per orientare e sostenere il consumo di prodotti agricoli a km zero”. Una legge che adesso potrà esprimere tutte le proprie potenzialità”.
E’ quanto afferma il Segretario Questore del Consiglio regionale on. Giovanni Nucera prendendo spunto da una nota di Coldiretti Calabria che ha espresso apprezzamento al Consiglio regionale della Calabria ed allo stesso on. Nucera per l’iter legislativo di revisione della normativa dal quale è conseguita la rinuncia al ricorso dell’Avvocatura dello Stato, “poiché – è scritto nell’ordinanza – sono venute meno le motivazioni del ricorso”.
“E’ stato grazie ad un mio emendamento – rileva l’on. Giovanni Nucera – e alla contestuale proposta di modifica della legge regionale in materia di consumo dei prodotti agricoli a km zero che è stato possibile superare ed estinguere i rilievi del Governo”.
“Con queste modifiche la Calabria – argomenta il Segretario Questore del Consiglio regionale – si allinea alle innovazioni introdotte da tante altre regioni d’Italia maturando una presa di coscienza nuova nel consumo di prodotti agricoli locali che giungeranno ai consumatori attraverso la cosiddetta “filiera corta”. Un processo – spiega l’on. Giovanni Nucera – che non solo consente di eliminare le intermediazioni tra grossisti, trasportatori, distributori e dettaglianti, che spesso si traducono in costi aggiuntivi per il consumatore finale, ma soprattutto accorcia la distanza fisica tra il luogo di produzione e quello di consumo, con beneficio per la freschezza e la qualità del prodotto che giunge sulle nostre tavole, e rappresenta un grande aiuto per il settore agricolo regionale”.
“I nostri consumatori familiarizzeranno presto con il “logo regionale” dei prodotti km zero, delle nostre aziende, che saranno inserite in un apposito circuito di attività promozionali che la Regione Calabria veicolerà con specifiche iniziative di valorizzazione delle produzioni agricole a chilometri zero”.
“Sarà una grande opportunità per la Calabria nella valorizzazione e nella promozione del consumo nostrano, per i consumatori calabresi, per l’intero comparto agricolo regionale, e per i nostri imprenditori agricoli, che non saranno così costretti a svendere il loro prodotto alle multinazionali della distribuzione alimentare che spesso strozzano con l’imposizione di prezzi irrisori le imprese e l’economia agricola della nostra regione.”.