Regione Calabria: a Mario Magno (Pdl) l’incarico di monitorare il progetto ‘Case della Salute’

Mario Magno (PdlIl consigliere regionale Mario Magno (Pdl) ha ricevuto dal presidente Giuseppe Scopelliti “l’incarico di monitorare tutti gli interventi riconducibili al progetto ‘Case della Salute’ che, nell’ambito del potenziamento dei servizi sanitari, ha come obiettivo quello di migliore l’offerta dei servizi sanitari territoriali”.

Spiega Magno: “Nell’ambito di tale progetto, pensato per far diventare tali strutture luogo di riferimento per i cittadini, dove i servizi di assistenza primaria si in­tegrano con quelli specialistici, ospedalieri, della sanità pubblica, dell’emergenza – urgenza, della salute mentale e con i servizi sociali, cercherò di velocizzare i percorsi istituzionali ed amministrativi finalizzati alla spesa di circa 68 milioni di Euro che la linea di finanziamento FERS vi ha destinato”.

Il consigliere Magno è stato anche incaricato di seguire, per conto del presidente Scopelliti, i processi di impiego dei fondi ex art. 20 della L. 67/88 che serviranno alla ristrutturazione di molte strutture socio – sanitarie della regione.

“In tale direzione – prosegue –  intendo confrontarmi quotidianamente con gli Enti locali e le Asp interessate al fine di pervenire al censimento delle strutture inutilizzate e alla predisposizione di un piano di valorizzazione e/o riconversione delle stesse”.

“Ringrazio il Governatore  - conclude Magno-  per la fiducia che ha inteso riporre nella mia persona per tale importante e delicato incarico per lo svolgimento del quale avrò l’onore di rappresentarlo nei ‘tavoli’ ministeriali e regionali che periodicamente sono convocati sul tema, assicurando un impegno quotidiano e la più ampia collaborazione con i sub commissari per l’emergenza, dottor D’Elia e generale Pezzi, nonché uno stretto contatto con il Dirigente del Dipartimento Sanità, dottor Orlando. Incontrerò nei prossimi giorni la stampa  per fare il punto sullo situazione attuale del settore e per rendere conto alla popolazione degli interventi realizzabili nell’ottica del miglioramento dell’offerta sanitaria e della razionalizzazione dei servizi”.