Reggio: grande entusiasmo per i Giochi del Mare, le Olimpiadi degli sport estivi

1005133_500147516718176_440357268_nLa carica dei 5.000. Ieri, nell’Arena dello Stretto di Reggio Calabria ha chiuso i battenti l’edizione 2013 dei Giochi del Mare, organizzata in stretta collaborazione con la Regione Calabria, la Guardia Costiera e il Patrocinio dei comuni di Reggio Calabria, Scilla e Praia a mare.

Il beach volley prima e le gare di freestyle di pattinaggio con il Gala del Mare, poi, hanno di fatto concluso la carrellata di sport che hanno richiamato oltre 30.000 spettatori nella settimana di gare. “E’ stata una lunga maratona fatta di tante diverse discipline – spiegano gli organizzatori – e permesso agli appassionati della città di riappropriarsi di spazio all’aria aperta”. I numeri dei Giochi del Mare 2013 dicono che le bottiglie d’acqua consumate hanno siperato quota 16.000, che le 150 tonnellate di sabbia sistemate nell’Arena Ciccio Franco hanno ospitato ben nove diverse discipline mentre le immagini fotografiche scattate nei fondali di Scilla hanno superato quota 160.

Crediamo – continuano dal Comitato Organizzatore – che la città di Reggio così come Scilla e Praia a Mare, abbiano risposto alle nostre proposte. Il prossimo anno? Faremo tesoro delle sbavature di quest’anno: sarà un’edizione da realizzare con la Regione Calabria e, da ricordare”. L’evento considerato una vera e propria “Olimpiade” dei giochi estivi, ha confermato una volta ancora la professionalità del Comitato Regionale del Coni Calabria che ha supportato e promosso ogni singola attività svolta. Riscontri positivi anche per le strutture turistico-alberghiere, con  oltre 1800 pernottamenti fra atleti, tecnici, istruttori e dirigenti.

Ad impreziosire i Giochi del Mare la presenza di personalità di spicco del mondo dello sport: dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, al campione del volley, Andrea Lucchetta, dal portabandiera azzurro alle paralimpiadi di Londra, Oscar De Pellegrin, al pluricampione di apnea, Simone Arrigoni. Senza dimenticare l’illustre presenza del prof. Pier Francesco Parra, luminare mondiale nel campo della laser terapia applicata allo sport.