Reggio Calabria, reintegrata dal tribunale la dipendente licenziata da Rfi

imagesIl giudice del lavoro di Reggio Calabria, Patrizia Morabito, ha reintregrato nel posto di lavoro la signora M.L.P., dipendente di Rete Ferroviaria Italiana. La lavoratrice, difesa dagli avvocati Giuseppe Morabito e Filomena Pellicanò, era stata licenziata insieme ad altri 7 dipendenti il 21 giugno 2010, a seguito di denuncia-querela di un dirigente di Rfi nei confronti del personale della biglietteria della stazione di Villa San Giovanni, in relazione ad anomalie nell’emissione dei biglietti per il traghettamento di mezzi pesanti.

Nelle more del giudizio di licenziamento, il processo penale si era concluso, relativamente alla posizione di M.L.P., con l’archiviazione, non essendo stata riscontrata a suo carico la commissione di alcun reato. Il giudice del lavoro, nel reintegrare la donna nel posto di lavoro, ha condannato Rfi anche alla corresponsione del risarcimento pari al numero di mensilita’ maturato dal licenziamento all’effettiva reintegrazione, oltre interessi, rivalutazione e regolarizzazione contributiva.