Reggio Calabria, minacce in un bar, arrestato

imageUn disoccupato trentenne, Orazio Spinella, è stato arrestato dai Carabinieri di Reggio Calabria per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e minacce. È accaduto nel pomeriggio di sabato (ma la notizia è stata resa nota solo ieri) quando la cassiera di un noto bar del centro cittadino si è rivolta ai carabinieri segnalando la presenza di un uomo che, in evidente stato di alterazione psico-fisica, infastidiva pesantemente gli avventori chiedendo soldi o che gli offrissero da bere.

Giunta immediatamente una pattuglia del Nucleo radiomobile, diretto dal maresciallo capo Andrea Romano con il coordinamento del tenente Antonio Di Mauro, anche alla presenza dei militari l’uomo ha continuato ad assumere un atteggiamento irriguardoso, e quando i carabinieri gli hanno chiesto di esibire i documenti d’identità l’uomo ha tentato di allontanarsi dal locale per raggiungere la propria autovettura.

A quel punto i militari, supportati dall’arrivo di una seconda pattuglia della Radiomobile, sono stati costretti a bloccare l’uomo e condurlo in caserma per ulteriori accertamenti. Una volta a destinazione, Spinella nello scendere dall’auto di servizio ha sferrato un calcio a un militare, tentando una inutile fuga. Bloccato nuovamente dall’equipaggio della seconda pattuglia, l’uomo non ha desistito dall’opporre resistenza, sferrando un secondo calcio che questa volta ha provocato una evidente ammaccatura alla carrozzeria della Gazzella