Porto di Gioia Tauro, la Vicepresidente Stasi ha incontrato l’Ad di RFI Elia. Lunedì 1 luglio riunione operativa

calabria 1La Vicepresidente della Giunta regionale Antonella Stasi ha incontrato, a Roma, l’Amministratore Delegato di RFI Michele Elia per un confronto su quanto emerso durante il VII Comitato di Sorveglianza Por Calabria – Fesr in relazione al progetto di potenziamento e ammodernamento del collegamento del porto di Gioia Tauro alla rete ferroviaria nazionale alla base dell’Apq sottoscritto da RFI.
Ai chiarimenti sollecitati dalla Vicepresidente Stasi, l’AD di Rfi Elia ha risposto confermando la volontà della società di rispettare i programmi, tempi e risorse indicate per la realizzazione del gateway previsto nell’APQ di Gioia Tauro attribuendo a ritardi procedurali l’attuale impasse del progetto. La Commissione Europea sta procedendo, infatti, alla valutazione delle schede inviate così come avviene per tutti i grandi progetti.
La Regione Calabria ha convocato per il prossimo 1 luglio una riunione del Comitato per chiarire ulteriormente e verbalizzare, alla presenza dell’Autorità di gestione del PON Reti, la volontà di proseguire nel finanziamento degli investimenti previsti dall’APQ.
“La Regione Calabria si sta impegnando con grande determinazione – ha dichiarato la Vicepresidente Stasi – per il porto di Gioia Tauro. Il bando per gli incentivi alle imprese che vorranno insediarsi nel retroporto é ormai avviato e il ferrobonus accompagnerà gli investimenti di quelle aziende che vogliono utilizzare il porto come hub logistico con l’utilizzo del combinato nave – treno. Sussistono tutti gli elementi e le condizioni per mettere a frutto le potenzialità dello scalo portuale gioiese ed è impensabile che il Governo possa tirarsi indietro e definanziare l’alta capacità. Questo è un momento cruciale della vita del porto calabrese e la svolta in positivo potrebbe essere molto vicina anche grazie ad una maggiore attenzione da parte del Governo nazionale. Bene ha fatto il Presidente Scopelliti a coinvolgere ed investire della questione tutta la deputazione calabrese perché è necessario un’azione corale e condivisa per rilanciare quella che rappresenta una grande sfida nazionale”.
Per quanto riguarda la questione gateway la Vicepresidente ha precisato che “la Regione Calabria convocò una serie di incontri con il Ministero delle infrastrutture ed RFI, alla presenza dell’autorità portuale, per un coinvolgimento di Rete Ferroviaria Italiana che approvò e condivise il progetto gateway. Qualche tempo dopo arrivò una lettera ufficiale di Rfi in cui si diceva che non erano interessati alla gestione del gateway. Questo avveniva nel 2011. Adesso, che abbiamo una diversa capacità interlocutoria con il Governo ed il Ministro competente Lupi, il Presidente Scopelliti ha già avviato tutte quelle azioni per far ripartire il dialogo con Rfi”.