Metromare, addio di Ustica Lines. Arriva compagnia napoletana?

pontile-metromare-messinaQuanti hanno di recente aperto il sito della Metromare, avranno sicuramente notato l’avviso che campeggia sulla home page: “Il servizio termina il 28/06/2013”.

Tra una settimana esatta addio collegamenti Reggio-Messina-Villa S.G.?

Sicuramente a dire addio ai servizi di navigazione tra le due sponde dello Stretto è la Ustica Lines, socio privato di Metromare, che ieri non ha depositato al Ministero delle Infrastrutture alcuna offerta per prorogare il servizio.

Lo Stato, invece, attraverso Blueferries manterrà l’impegno e come partner privato, adesso, potrebbe prendersi in seria considerazione l’offerta di NGL, Navigazione Libera del Golfo, società della famiglia Aponte che da oltre 80 anni gestisce i collegamenti tra Napoli e Capri.

Per continuare il servizio sono stati erogati 3 milioni di euro, troppo pochi per i sindacati e per Ustica Lines, che ha preferito abbandonare il campo lasciando disagi non solo ai cittadini, ma anche agli stessi lavoratori Metromare.aliscafo metromare

I sindacati dichiarano, infatti, che già oltre 100 lettere di preavviso di licenziamento sono state recapitate ai lavoratori di Metromare e della situazione critica, che comporterà una netta contrazione dei servizi oltre ai risvolti occupazionali, gli stessi sindacati accusano di non essere stati informati né dal consorzio Metromare né dal Ministero.

Il Ministero, secondo quanto sostenuto dalle sigle sindacali, non avrebbe infatti indetto alcuna gara per il servizio di collegamento Calabria-Sicilia, ma semplicemente una manifestazione d’interesse, ossia avrebbe chiesto a tutti gli armatori quale servizio avrebbero offerto al prezzo di 3 milioni di euro.

Un prezzo ritenuto basso, troppo basso per continuare a garantire un trasporto sicuro, tempestivo e che soprattutto garantisca il livello occupazionale.