Messina, ecco chi è il nuovo Sindaco: profilo di Renato Accorinti

accorinti 3Renato Accorinti è il nuovo sindaco di Messina. Ha battuto il candidato del centrosinistra Felice Calabrò, scalando il “potere” di cui non ama essere definito il detentore. Per lui, fondatore del movimento “No Ponte” il contatto con la gente è sempre stato il pane quotidiano. 59 anni, professore di educazione fisica, tecnico della Federazione italiana di atletica leggera. Molti, moltissimi, ricorderanno le sue “imprese” eccezionali, come ad esempio la sua protesta al pilone di Torre Faro, sul quale si arrampicò il 25 giugno 2002 e rimase lì per un giorno e una notte per dire no al Ponte sullo Stretto. Ma il suo spirito determinato era emerso già negli anni ’70, quando manifestava contro il muro di Berlino. Nel 1979 partecipa alla carovana per il Disarmo Bruxelles-Varsavia, manifestando, nelle citta’ europee maggiormente militarizzate. Sempre nello stesso anno Renato Accorinti fonda il Movimento Nonviolento messinese, e nel 1981, promuove una campagna informativa in favore dei 5 referendum radicali.Già nel 1982 manifesta contro le basi Nato, a Comiso. Nel 1991 viene rinviato a giudizio perchè aveva invitato i militari a non combattere la Guerra del Golfo. Nel 1992, al tribunale di Messina erano presenti studenti e concittadini, Renato viene assolto: il fatto sussiste ma non è considerato un reato. In altre parole, un sindaco fuori dai canoni si appresta a governare una città sull’orlo del dissesto, che sembrava divisa su tutti i fronti, ma che inaspettatamente ha trovato in Renato Accorinti un motivo comune per continuare a credere in un futuro migliore.