Messina: bimbo morto al Policlinico nel 2012, archiviata posizione 5 medici, sotto inchiesta altri 4

LARVE IN NASO PAZIENTE: POLICLINICO, NESSUNA CONSEGUENZASi sono concluse le indagini relative alla morte di Salvatore R., 10 anni, spirato il 1° aprile 2012 al Policlinico di Messina, in seguito ad una crisi di vomito. Archiviata la posizione di 5 medici del Policlinico, mentre rimangono sotto inchiesta altri 4 medici dell’ospedale Papardo.

Cinque giorni prima della morte, il piccolo Salvatore, in preda a fortissimi dolori addominali e vomito, era stato portato al Pronto Soccorso dell’ospedale Papardo di Messina. Qui i medici, non riscontrando patologie particolari, lo avevano rimandato a casa. Passati due giorni il malessere si ripresenta ma, visitato ancora una volta al Papardo, il bambino viene dimesso senza che vengano effettuate diagnosi specifiche. Altre 48 ore e nuova crisi di vomito per Salvatore, che stavolta i genitori decidono di portare al Pronto Soccorso Pediatrico del Policlinico. Appena giunti al nosocomio però Salvatore entra in come e, nonostante il ricovero in Rianimazione, muore dopo poche ore.

La morte di Salvatore fu svelata dall’autopsia e fu individuata nella perforazione del duodeno. I genitori presentarono immediatamente denuncia ai Carabinieri. Le indagini svolte dal sostituto procuratore Alessia Giorgianni non hanno portato alla luce responsabilità da parte dei medici del Policlinico. Nel registro degli indagati invece rimangono i 4 del Papardo, accusati di omicidio colposo.