La comunità terapeutica “Vecchio Borgo” di Motta San Giovanni (Rc) compie dieci anni

IMG_0126Proprio in questi giorni ,il 7 giugno 2003, dieci anni fa, iniziava il suo cammino la Comunità terapeutica” Vecchio Borgo”. Nasceva per volere dei coniugi Pino e Daniela Latella che avevano dato vita all’Associazione William Latella, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, e, grazie ad una famiglia che, in comodato gratuito aveva  messo a disposizione dell’ente una casa rurale con annesso terreno, consentendo, così, la promozione di attività di recupero socio sanitario e di reinserimento sociale di persone tossicodipendenti e alcolisti.

La ct “Vecchio Borgo” ha trovato dunque posto in un vecchio casolare ristrutturato.

La sua posizione è particolare.   Situata al confine del  comune di Motta San Giovanni, per arrivare in struttura, la via più breve e percorribile è la strada che  porta ad  Oliveto(piccola frazione del comune di Reggio Calabria).

Oltre alla struttura, la comunità abbraccia  un territorio di circa un ettaro che si caratterizza per i vari terrazzamenti tutti accessibili e  funzionali, ricchi di piante di ulivi, antiche  querce.

Particolare attenzione è data alla possibilità d’uso di questi  spazi esterni.

L’ambiente è  gradevole, organizzato al meglio per favorire l’espletamento di tutte le attività.

Camminando per i sentieri della Comunità è facile imbattersi in un asinello o in un cavallino che pascolano liberamente.

Gli animali, soprattutto equini, aiutano  a  potenziare nei pazienti la loro conoscenza , la capacità di  imparare a rapportarsi ad essi,  ad utilizzarli quale strumento  terapeutico in grado di  instaurare un importante canale di contatto corporeo in un clima relazionale che permette più facilmente di lasciarsi andare e superare  disturbi cognitivi, affettivi, comportamentali” .

La casa  è dotata di spazi di aggregazione e socializzazione( sala Tv, sala riunioni, sala lettura).

Ospita persone provenienti da tutta Italia, seguite a tempo pieno da operatori professionali che, con un lavoro d’equipe ,organizzano i momenti ergoterapici, terapeutici, ludici.

La Comunità è iscritta all’Albo Regionale e accreditata  presso  la Regione Calabria, per n.8 posti in regime di residenzialità e 15 posti in regime di semiresidenzialità.

Inoltre, per assicurare un trattamento di recupero anche a persone con vincoli restrittivi (provvedimenti giudiziari), con Decreto del 29 dicembre 2005 emanato dal Ministero della Giustizia, è stato riconosciuto alla struttura idoneità ad ospitare imputati tossicodipendenti in regime di arresti domiciliari.

La Comunità ha definito, nella carta dei servizi, nel programma terapeutico e nel regolamento i criteri, le modalità e le responsabilità per la realizzazione della fase di ammissione ovvero per la fase di presa in carico e per l’esecutività del progetto individuale.

Il Trattamento proposto nella  Comunità  “Vecchio Borgo”prevede la possibilità di poter effettuare un progetto semiresidenziale per quei soggetti la cui storia tossicologica, l’ambiente socio-familiare siano tali da consentirlo; per chi proviene da esperienze residenziali e che tuttavia necessiti ancora di un percorso a breve e/o medio termine (per esito fallimentare delle precedenti) e stimolare le risorse già in precedenza ritrovate e che devono essere soltanto sostenute;

E, poi, per coloro che dopo avere effettuato il programma comunitario, intendano essere sostenuti dalla struttura con un progetto di reinserimento sociale, familiare e/o lavorativo.

Infine, un progetto residenziale  per quei soggetti le cui caratteristiche personali, la storia tossicologica, l’ambiente socio-familiare o la situazione giudiziaria siano tali da privilegiare o necessitare  un progetto di residenzialità.

Coinvolto l’utente e, ove sia possibile anche la famiglia, nella definizione e nel raggiungimento degli obiettivi fissati, la Comunità fornisce adeguate informazioni sui percorsi, sulle attività, e stabilisce la data dell’ingresso in struttura. Il percorso in Comunità si caratterizza per la vivacità del programma attraverso momenti negoziati che stabiliscono modalità e sviluppo della partecipazione sociale. Si articola in fasi i cui tempi e modi di trattamento vengono, a seconda dei casi, strettamente personalizzati, il più possibile “a misura del paziente” in base alle sue reali risorse e potenzialità, ma considerando anche i limiti e le difficoltà concrete. Indicano i modi di trattamento i cui valori temporali vengono stabiliti in riferimento agli obiettivi terapeutici.

Sono stati circa quattrocento,a vario titolo,gli utenti della comunità “Vecchio Borgo” che si sono succeduti in questi dieci anni.

Ad arricchire l’impegno dell’Associazione W.Latella il 23 luglio del 2010 nasce con atto notarile la Cooperativa Sociale “Le rasole” per una precisa esigenza della comunità:favorire il reinserimento

Sociale e lavorativo delle persone tossicodipendenti,giacchè il lavoro rappresenta una parte fondamentale ed integrante della riabilitazione.

Né viene trascurata l’area della prevenzione territoriale che la Comunità “Vecchio Borgo” ha affidato da tempo ad un proprio   Centro di  Ascolto e Counseling,  ubicato in Reggio Calabria via Pola  n.6 .

La Comunità ,proprio con le finalità di prevenzione,ospita già da qualche anno nella sua vasta area terrazzata le visite di scolaresche provenienti anche dalla provincia.