Emergenza idrica a Gallico (Rc): la denuncia dell’ex consigliere di circoscrizione Domenico Spanti

AcquaL’emergenza idrica a Gallico non conosce tregua, è la denuncia dell’ex consigliere della IX circoscrizione, Domenico Spanti, a seguito del disagio che stanno vivendo numerosi cittadini del quartiere reggino. Da circa una settimana le abitazioni della zona superiore sono con i rubinetti a secco. A farne le spese sono i residenti di Via Casa Savoia, Via Anita Garibaldi, Pietre della Zita, Via Madonna in località Palmara, Madonna delle Grazie circa l’80% della zona alta di Gallico.

Una situazione insostenibile resa ancora più critica dall’aumento delle temperature di questi giorni. Per tempo i cittadini hanno segnalato agli uffici comunali competenti l’interruzione del servizio, i quali, pur prontamente intervenuti, hanno chiarito che la carenza  è addebitabile ad una insufficiente erogazione del liquido da parte della Sorical.

Per sopperire al disagio– commenta Spanti – ho proposto con il supporto dei tecnici comunali l’approvvigionamento idrico per mezzo delle autobotti della protezione civile regionale, che con decorrenza immediata provvederanno a rifornire le zone bisognose.

E’ inspiegabile come la Sorical, non nuova a questa vicende, possa permettere una scarsità idrica nei propri serbatoi specialmente nel periodo estivo. Un no sense a cui la società regionale responsabile del servizio idrico è chiamata a porre rimedio individuando al più presto le cause delle carenze segnalate nonché gli interventi idonei atti a risolvere il problema in modo strutturale.

Non vorremmo che dietro la carenza idrica causata dalla Sorical ci fosse il contenzioso con il comune di Reggio Calabria, sarebbe di sicuro una scelta scriteriata presa sulla pelle dei cittadini ai quali non resta solo che pagarne le amare conseguenze. Ad oggi, tuttavia, i livelli delle cisterne restano bassi, l’unica cosa ad alzarsi è la collera dei cittadini e l’importo delle bollette.