Calabria, trasporti. Magarò: “Bisogna attuare agevolazione tariffarie”

Salvatore-MagaròSalvatore Magaro’, consigliere regionale della Calabria, ha rivolto una interrogazione all’assessore regionale ai trasporti ”per sapere se vengano correttamente applicate le norme che disciplinano le esenzioni e le agevolazioni tariffarie previste in favore delle categorie disagiate che utilizzano il trasporto pubblico locale sulla rete urbana ed extraurbana”.

”In particolare – spiega Magaro’ - la Legge Regionale 7 agosto 1999 n. 23, agli articoli 22 e seguenti, dispone il diritto ad usufruire di una tessera di libera circolazione sull’intera rete regionale urbana ed extraurbana per i non vedenti con cecita’ assoluta o con un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi, con eventuale correzione, e per gli invalidi di qualsivoglia categoria con totale e permanente inabilita’ lavorativa e con diritto all’accompagnamento, oltre che per gli appartenenti alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri, al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, al Corpo Forestale dello Stato, al Corpo della Guardia di Finanza, agli Agenti di Polizia Penitenziaria.

La stessa legge – aggiunge il consigliere regionale - dispone il rilascio di una tessera di libera circolazione sul trasporto pubblico locale, limitatamente ad una sola tratta di viaggio o ad una intera area urbana, a beneficio degli invalidi di guerra, degli invalidi del lavoro, degli invalidi civili, delle persone sordomute.

Inoltre, tale provvedimento disciplina anche le agevolazioni tariffarie riservate ai soggetti titolari di pensione minima o integrata al minimo corrisposta dall’INPS o da altri Istituti previdenziali ed agli studenti ed ai lavoratori dipendenti che utilizzano autoservizi extraurbani di linea per raggiungere la scuola ed il posto di lavoro”.

Secondo Salvatore Magaro’, questa normativa non sarebbe pienamente applicata dalle aziende di trasporto che operano in Calabria.