Calabria, l’assessore Pugliano interviene nel merito dello sciopero negli impianti di smaltimento rifiuti

PUGLIANO Francesco 2L’assessore regionale all’ambiente Francesco Pugliano – informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta – ritiene “del tutto ingiustificato, incomprensibile e, per questo, insopportabile” lo sciopero di una giornata proclamato e realizzato negli impianti tecnologici di Lamezia Terme e di Alli (Catanzaro), nonché presso la discarica di Pianopoli “perché  - ha evidenziato – ha paralizzando il sistema di trattamento e smaltimento dei rifiuti, in un momento di grave emergenza per la Calabria”. “Appare evidente – ha aggiunto l’esponente della Giunta – che farsi guidare da qualche soggetto irresponsabile, seppur vestito degli abiti sindacali, a scioperare in un momento di grave difficoltà, non fa altro che rendere difficilissimo il superamento della emergenza. Sarebbe, invece, necessario risvegliare l’orgoglio di appartenenza ad una regione straordinaria, che richiede maggiore responsabilità e collaborazione da parte di tutti. Le vertenze dei lavoratori impegnati nel sistema dei rifiuti – ha precisato Pugliano – ricevono, e continueranno a ricevere, ascolto e sostegno da parte del governo regionale, che è impegnato a tutelarne la sicurezza occupazionale, anche perché garanzia di professionalità acquisita, ed ogni altro diritto, nel rapporto con i soggetti gestori dei servizi. Potrebbero mettere a rischio il sostegno della Regione se le vertenze dovessero produrre ulteriori azioni di contrasto agli interessi della Calabria e dei calabresi. Il sistema impiantistico incompleto – ha spiegato -, non autosufficiente, l’assenza di discariche di supporto agli impianti, insieme ad una situazione finanziaria disastrosa, per debiti e crediti maturati e trasferiti dall’Ufficio del Commissario alla Regione, dopo 16 anni di gestione commissariale, richiede una over-dose di responsabilità da parte di ogni istituzione ed ogni cittadino calabresi. La Regione – ha detto ancora l’assessore all’ambiente – sta pianificando programmi e politiche di riduzione della produzione dei  rifiuti attraverso azioni di sostegno alla raccolta differenziata, al recupero e riciclo, con strumenti normativi e finanziari, già definiti ed impegnati, che rimetteranno in ordine il sistema dei rifiuti, completando ed ammodernando il sistema tecnologico calabrese. Resta da affrontare – ha infine ribadito Pugliano -, insieme ed in maniera sinergica, l’emergenza drammatica che la Calabria vive attualmente, abbandonando posizioni pregiudiziali, stanando e denunciando ogni strategia che miri a creare ulteriori criticità ed emergenze”.