Calabria: l’assessore Fedele interviene sul trasporto ferroviario

TrenoL’assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele – informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta – nell’esporre la situazione del trasporto ferroviario in Calabria parla “di uno stato di particolare criticità”. “Oltre all’estrema esigenza di un adeguato collegamento all’interno della Regione, e fra la Regione e il resto dell’Italia, si rende assolutamente necessario  - sottolinea Fedele – un livello qualitativo dei servizi e, di conseguenza, un’organizzazione degli stessi che sia consona alla pressante richiesta di mobilità dei calabresi. Più volte, e attraverso diverse iniziative, ho sollecitato l’attenzione del Governo nazionale su questi temi che rivestono una grande importanza per la nostra regione. Una richiesta di intervento, quindi, che avesse come fine ultimo quello di fare uscire la Calabria dallo stato di isolamento in cui si trova a causa di scelte penalizzanti per il Sud del Paese ma, soprattutto, per l’intero territorio calabrese. La riunione che il presidente Scopelliti ha voluto organizzare – evidenzia ancora l’assessore ai trasporti -, chiamando a raccolta tutti i parlamentari e senatori calabresi allo scopo di sollecitare il ministro Lupi sulla problematica relativa ai trasporti e alle infrastrutture nella nostra regione, oltre a dover essere valutata in termini assolutamente positivi, imprime quell’accelerazione necessaria all’azione portata avanti con tenacia, in questi ultimi anni, dall’assessorato che dirigo. Così come è da sostenere la decisione della Filt–Cgil calabrese di voler manifestare contro le politiche delle Ferrovie dello Stato. Serve, infatti, un’azione corale, un fronte comune che coinvolga le istituzioni e le parti sociali per ottenere la meritata attenzione da parte dell’Esecutivo, con cui abbiamo da subito avviato un continuo e proficuo raffronto, su un fronte che ci ha visto finora fortemente penalizzati. Risposte che, si spera, possano arrivare presto per sopperire alle criticità di questo settore. Per questo – dichiara infine Fedele – crediamo che la richiesta sindacale di istituire un tavolo, che metta a confronto il Governo, il presidente Scopelliti e le forze sociali, vada nella giusta direzione per affrontare tutte le problematiche connesse alle strategie che Rfi e Trenitalia hanno in serbo per la Calabria”.