Bova (RC), turismo e cultura: conclusi con successo i progetti rivolti alle scuole

Gianfranco MarinoConclusi con successo, in concomitanza con la chiusura ufficiale dell’anno scolastico, i percorsi didattico- turistico-formativi, promossi dall’Amministrazione Comunale di Bova, Assessorato al  Turismo, Cultura e Pubblica Istruzione. “Paleontologo per un giorno ed il Mondo del Libro in uno dei Borghi più Belli d’Italia”, questi i titoli dei progetti che hanno riscosso un unanime coro di consensi tra i tantissimi Istituti scolastici della provincia reggina che hanno aderito all’iniziativa. A tracciare un bilancio, estremamente positivo rispetto ad un programma tanto ambizioso quanto variegato per qualità e tipologia di offerta è Gianfranco Marino, vice Sindaco con delega al turismo, alla cultura ed alla pubblica istruzione. “Siamo particolarmente soddisfatti – dice Marinoperché le iniziative rivolte alle scuole della provincia, hanno riscosso grandi consensi, che vanno sicuramente oltre quelle che erano le attese della vigilia. L’alto gradimento riscontrato, è testimoniato tanto dalla  massiccia adesione da parte di molti Istituti Comprensivi, quanto dai giudizi espressi nello specifico, riguardanti la qualità dell’offerta formativa e la preparazione del personale impiegato. L’idea della vigilia era quella di coniugare l’offerta didattico – formativa alla scoperta o riscoperta di uno dei borghi Gioiello d’Italia, intento perfettamente riuscito attraverso lo svolgimento di due progetti, uno Paleontologo per un giorno, che ha spalancato ad alunni ed insegnanti le porte del Museo di Paleontologia e Scienze Naturali dell’Aspromonte, attraverso un tour virtuale all’interno della struttura, dove i piccoli sono diventati protagonisti e Paleontologi per un giorno, una qualifica certificata da un attestato di fine percorso. Il secondo progetto – prosegue Marinonato dalla collaborazione tra il nostro assessorato e una nota Casa Editrice reggina, ha visto i ragazzi delle scuole impegnati in un percorso all’interno del Mondo del libro, dalla lavorazione della carta alla fruizione del prodotto finito, il tutto reso ancora più interessante da giochi di ruolo e quiz per le classi con premi finali. Le iniziative appena concluse hanno molteplici valenze, da un lato si lancia un messaggio importante rispetto al progetto più complessivo di far diventare Bova polo culturale di riferimento non solo per la provincia reggina, dall’altro si unisce la parte didattica alla fruizione dell’immenso patrimonio materiale ed immateriale di uno dei Borghi più Belli d’Italia. Il bilancio di fine percorso – conclude Marino – ci riempie dunque di gioia suggerendoci la bontà della strada intrapresa ed incoraggiandoci ad implementare l’offerta da sottoporre alle scuole già dal prossimo mese di Settembre”.