Barcellona Pg, vertenza Dusty oltre 15 mensilità arretrate: “intervenga il Prefetto”

dusty-rifiutiIn seguito al licenziamento collettivo messo in atto dalla Dusty appena due settimane fa nulla e’ cambiato. I dipendenti appartenenti all’organico storico di Barcellona risultano i piu’ penalizzati in questa triste vicenda, la Dusty ha continuato a garantire il lavoro nei Comuni di Barcellona e Milazzo, senza pero’ rispettare l’organico esistente fino alla data del 14/06/2013 (data del licenziamento collettivo), e nel frattempo ha stipulato altri contratti con ulteriori 7 Comuni appartenenti all’ambito territoriale Ato Me2, sui cui territori ha stravolto la territorialita’ tramite interposizione di personale.

Sia le istituzioni interessate che le imprese di settore si sentono ormai libere da ogni vincolo e agiscono in modo assolutamente antisindacale e in completa inosservanza delle disposizioni dettate dalla regione in merito alla salvaguardia dei livelli occupazionali e dall’art. 6 del CCNL di settore, mettendo in atto assunzioni di soggetti presi a caso o imposti dalle ditte a cui hanno affidato la 191.

Ormai l’ anarchia sembra regni sovrana, e si attende con ansia la firma dell’accordo quadro la cui bozza e’ stata stilata in data 18/06/13, dall’ assessore Marino in perfetta armonia con i sindacati regionali CGIL, CISL E UIL, e che ribadisce la salvaguardia del livelli occupazionali anche nelle situazioni emergenziali in atto. I Dipendenti del settore ormai stremati da oltre 15 mensilita’ non percepite e da proteste giornaliere al fine di riottenere il posto di lavoro, si affidano totalmente al buon senso di ogni organo preposto alla risoluzione di questo dramma sociale e confidano in un intervento del Prefetto, nella giornata di domani 28/06/13, atto ad Imporre ai Sindaci il rispetto delle leggi a tutela e salvaguardia dei lavoratori.