Reggio, da domani la fase finale dei “Giochi sportivi studenteschi” di vela

Fabio Colella

Fabio Colella

Si terrà in riva allo Stretto, il  4, 5 e 6 giugno 2013, la fase finale dei “Giochi sportivi studenteschi” di vela. Tutto pronto per la grande manifestazione che vedrà i vincitori delle regate regionali partecipare alla finale tutta reggina. Numerosi gli equipaggi provenienti da tutta Italia, impegnati a conquistare il titolo nazionale proprio nelle acque antistanti il Circolo Velico.

Abruzzo, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Toscana, Basilicata, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Puglia le regioni rappresentate nella regata. Ventuno le scuole, divise tra istituti di primo e di secondo grado, che schiereranno i propri equipaggi. Ben 115 i partecipanti, tra studenti, studentesse ed insegnati accompagnatori, che veleggeranno per conquistare il titolo nazionale. A rappresentare la Calabria e la città di Reggio, per il II grado, sarà il liceo Scientifico “Alessandro Volta” che ha vinto le fasi regionali, e per il I grado la scuola di Crotone “Anna Frank”.

La manifestazione è promossa ed organizzata dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), in collaborazione con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), le Federazioni Sportive Nazionali; il comitato regionale VI zona Calabria -Basilicata Fiv sarà l’organizzatore tecnico.

Alle Finali Nazionali dei Giochi sportivi partecipano insieme ai nostri atleti – afferma Francesco Mercurio, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria –  tantissimi studenti provenienti da tutte le Regioni d’Italia, accompagnati e seguiti nelle attività dai loro professori. Alla riuscita della manifestazione  contribuisce fattivamente un Comitato Organizzativo Regionale Coordinato dal Rappresentante dell’USR Calabria regionale per l’Educazione Motoria Fisica e Sportiva, del quale fanno parte le Federazioni Sportive ed il CONI regionale, che si avvale del  supporto tecnico ed organizzativo di un gruppo di 6 docenti di Educazione Fisica (Donatella Cimino, Valentina Colella, Luigi Federico, Santi La Fauci, Matilde Schiano e Pasquale Ocello, esonerati dal servizio grazie alla disponibilità dei rispettivi Dirigenti Scolastici). L’iniziativa realizzata grazie all’intesa con il MIUR – Ufficio V (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) richiama l’attenzione sulla necessità nella nostra Regione di incrementare le attività motorie e sportive a scuola, come contributo a rendere attivo e corretto lo stile di vita delle giovani generazioni: un investimento per avere, in futuro, effetti positivi in termini di salute e di economia. Inoltre,  – sottolinea il Direttore Mercurio – tutta l’attività esprime un percorso dal ruolo fortemente educativo, formativo e sociale a vantaggio di giovanissimi  studenti- atleti”.

L’obiettivo della FIV, attraverso i “giochi sportivi studenteschi” è quello di incrementare la presenza e l’offerta della vela nel mondo scolastico, al fine di instaurare ed accrescere una cultura marinara tra i più giovani. Inoltre la Federazione ha scelto di organizzare la finale nazionale unicamente con la barca collettiva per sviluppare i valori della collaborazione e del gioco di squadra, e per poter affiancare a timonieri già esperti anche eventuali neofiti.

Sono orgoglioso – ha affermato Fabio Colella, Presidente VI zona Fiv – di aver contribuito a portare la fase nazionale dei Gss a Reggio Calabria. Si tratta di un ulteriore riconoscimento del lavoro intenso che questa Federazione sta portando avanti su tutto il territorio Calabrese consentendogli di crescere anche dal punto di vista sportivo e portando il nostro territorio alla ribalta nazionale. Lo sport velico costituisce un’occasione preziosa per approfondire la conoscenza dell’ambiente marino e delle sue ricchezze e, soprattutto, per insegnare ai più giovani a rispettarlo. A tale disciplina si legano, inoltre, come in poche altre, valori sportivi, educativi, formativi e valenze interdisciplinari – conclude il Presidente - che possono restituire ai nostri giovani il senso dell’unicità dei saperi”.

Sarà la Capitaneria di Porto di Reggio Calabria a dare il via alla manifestazione in modo solenne, con il suggestivo alza bandiera ed il picchietto d’onore. Alle 10, invece, è prevista la partenza delle imbarcazioni.