fbpx

Reggio C.: giovedì a Palazzo Campanella convegno “Violenza sulle donne, l’approccio internazionale”

francesco talaricoGiovedì prossimo 30 maggio alle ore 10.30 nella sala “Giuditta Levato” di Palazzo Campanella si terrà il convegno dal titolo “Violenza sulle donne, l’approccio internazionale”. Promossa dalla Presidenza del Consiglio regionale, l’iniziativa sarà trasmessa in diretta streaming su Calabria on web (www.calabriaonweb.it). Sarà il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico ad aprire i lavori. Seguirà l’intervento della presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità Giovanna Cusumano su “Legislazione regionale e progettualità”. Un quadro degli strumenti internazionali Onu contro la violenza sulle donne sarà offerto da Sabrina Avakian, criminologa esperto diritti umani Unicri/Onu (United nations interregional crime and justice research isntitute, dipartimento specializzato dell’Onu).

Interverranno alla tavola rotonda Luciana Crucitti, criminologa, psicografologa, responsabile del centro di grafoanalisi clinica e foresen (Identità nascoste) dell’Imep Onlus (Istituto Mediterraneo di Psicologia di Reggio Calabria) che parlerà di “Amore sano e amore criminale” e Francesca Stillittano consulente legale del Centro Antiviolenza (Casa delle donne di Reggio Calabria) che si occuperà degli “Aspetti giuridici del problema”. Al convegno, che sarà coordinato dalla giornalista Gabriella Lax, parteciperanno anche gli attori Giacomo Battaglia e Gigi Misefari con un intervento a tema.

“L’iniziativa – ha detto il presidente Francesco Talarico – si inserisce in un momento storico che registra, anche a queste latitutidini, segnali allarmanti che non bisogna assolutamente sottovalutare ma, neanche enfatizzare, perché il rischio è che si alimentino pericolose forme di emulazione. Il versante su cui occorre lavorare di più e responsabilmente  – ha sottolineato il presidente – è quello della cultura, nella consapevolezza che il fenomeno della violenza contro le donne va debellato in tutte le sue forme e non solo nelle sue manifestazioni più appariscenti. Si tratta di un impegno – ha concluso Talarico – che deve coinvolgere tutte le componenti della società ad ogni livello”.