fbpx

Messina-Ischia: scontro tra titani. Catalano: “vincere per arrivare fino in fondo. Lo scudetto sarebbe la ciliegina sulla torta”

acr messina curvaIl Messina torna la S.Filippo per l’ultimo turno della fase a girone della Poule Scudetto. L’avversario di domani sarà l’Ischia, autentica schiaccia sassi del girone H di Serie D. Statistiche alla mano, i campani rappresentano probabilmente la migliore compagine della serie dilettantistica. Gli uomini di mister Campilongo hanno fatto registrare la media punti (86 in totale) più alta dimostrando un’ottima solidità. Per proseguire il cammino della Poule Scudetto i biancoscudati dovranno necessariamente battere l‘Ischia, e in questo modo accederebbero alla Final Four in programma a Piancastagnaio dal 23 al 25 maggio.

Gli avversari – L’Ischia si presenterà al San Filippo priva di due pedine importanti, la punta Cunzi e il centrocampista Alfano, entrambi squalificati. Il tecnico Salvatore Campilongo può comunque contare su una rosa abbastanza ampia e competitiva che gli permette di avere diverse alternative in tutti i reparti. Nessun dubbio per l’assetto tattico, ovvero il consueto 4-3-3.

Problemi (se così si può dire) di abbondanza per Gaetano Catalano. L’unico indisponibile sarà Agatino Chiavaro, per il resto la rosa è tutta a disposizione. In attacco probabile l’utilizzo di Chiaria – “l’ex dal dente avvelenato” – che scalpita per un posto da titolare. Nel cerchio di centrocampo torna a disposizione Maiorano che ha riposato nel turno precedente contro la Torres.

catalano5.1.2013Al termine della rifinitura, l’allenatore Gaetano Catalano, ha espresso le proprie sensazioni nella consueta conferenza stampa pre-gara: “da quello che si dice l’Ischia è una squadra molto forte con uomini di grande livello. Senza nulla togliere ai campani anche il Messina ha dei nomi importanti in rosa, sicuramente giocando al San Filippo abbiamo un piccolo vantaggio rispetto ai nostri avversari. Ci teniamo tantissimo a far bene in questo torneo e vincere lo Scudetto sarebbe la ciliegina sulla torna di una stagione già bella e positiva. Inoltre, potersi misurare con le migliori formazioni degli altri gironi di Serie D è uno stimolo importante, anche perché poi alcune di queste squadre le incontreremo nel prossimo campionato di Lega Pro. Domani sarà una partita molto difficile, ma noi scenderemo in campo per provare a tutti i costi a vincere ed accedere alla final four”.