Laureana di Borrello, Istituto penitenziario “L.Daga”: presentata interrogazione parlamentare su sollecitazione del consigliere provinciale Giuseppe Longo (Prc)

Giuseppe Longo“Sono trascorsi sette mesi mesi- esordisce Giuseppe Longo- da quando è stato chiuso l’istituto penitenziario “Luigi Daga” di Laureana di Borrello e da allora grazie soprattutto al comitato cittadino nato spontaneamente per difendere un patrimonio di civiltà, sono state intraprese diverse iniziative anche di natura istituzionale per chiederne l’immediata riapertura. Fallito il tentativo di consegnare la struttura all’Asp per il ricovero di malati mentali gravi, non vorremmo che i colpevoli della sua chiusura stiano studiando un piano alternativo per boicottarne la riapertura. Lo scorso 30 aprile si sarebbe dovuto riaprire il L. Daga, ma il sospetto iniziale che la sua chiusura sia stata frutto di un disegno politico dettato da motivi oscuri e non certamente da carenze di organico, trova conferma nell’attegiamento inaccettabile del Provveditorato regionale che continua a non voler procedere alla sua riapertura nonostante le disposizioni ufficiali del Dipartimento della Giustizia. Non pensino a Catanzaro – continua il consigliere provinciale Prc- che potranno rimanere inosservate le disposizioni ministeriali senza che ci sia una levata di scudi dal territorio che vuole sia onorare la memoria di Paolo Quattrone e sia ridare speranza ai tanti giovani detenuti che vedevano il L. Daga come una possibilità di riscatto sociale.

Per queste ragioni- conclude Longo-  su mia sollecitazione è stata presentata stamane alla Camera dei Deputati una interrogazione parlamentare al Ministro Cancellieri a firma dei deputati di Sel Ferdinando Aiello, Celeste Costantino e Daniele Farina, quest’ultimo componente della commissione Giustizia, affinché lo stesso ministro provveda a rendere esecutivo il provvedimento del Dipartimento della Giustizia che ne imponeva la riapertura il 30 aprile 2013. Il Ministro Cancellieri, messa a conoscenza del problema ancora esistente dagli stessi deputati di Sel, che ringrazio per la sensibilità dimostrata, ha in queste ore provveduto ad informarli che la prossima settimana si renderà disponibile a riceverci in delegazione per affrontare una volta per tutte questa oramai antipatica vicenda che merita risposte esaustive e concrete. Nella speranza di riuscire nell’intento di vedere riaperto a breve il L. Daga di Laureana, ritengo doveroso da parte di tutti lavorare affinché in futuro la struttura venga migliorata e ancor più valorizzata in modo che i detenuti, in gran parte molto giovani, possano proseguire il percorso rieducativo che li stava portando ad abbandonare definitivamente il mondo delinquenziale”.