fbpx

EccoCi! E’ il momento di festeggiare, il Messina è tornato (foto e video)

/

20130505_171003EccoCi! Il Messina è finalmente tornato nel calcio professionistico. La “banda” di mister Gaetano Catalano, nella giornata del festival del gol, batte i ragazzini della Nissa per 8-1, e approda in Lega Pro II^ divisione. Con questa vittoria, oggi al San Filippo, il Messina ha festeggiato la sua undicesima promozione, a distanza di otto anni dall’ultima conquistata, la storica in Serie A nella stagione 2004-2005.

Il Messina scende in campo determinato e con una grande voglia di far festa, già nei primi 45 minuti di gioco la pratica Nissa è stata archiviata grazie ad un secco 4-1 con i gol firmati da Chiaria al 22?, Bucolo 28?, Corona 31? e Guerriera al 40?. Nella ripresa altro poker dei biancoscudati con Corona, Costa Ferreira, Chiaria e Cocuzza. In tutto ciò c’è lo spazio per regalare la giusta standing ovation al capitano Re Giorgio Corona e il “portierone” Ettore Lagomarsini, sostituiti entrambi nella ripresa. L’ultima sostituzione, annunciata anche nel pre-partita, ha visto protagonista il centrale difensivo Agatino Chiavaro, che non giocava un match da quattro mesi a causa di un lungo infortunio, anche per lui la giusta e meritata passerella di fronte ai 7000 del San Filippo.

Gli ultimi dieci minuti di Messina-Nissa sono stati una pura formalità, si attendeva solo il triplice fischio dell’arbitro, mentre i calciatori in panchina scalpitavano con già addosso le maglie celebrative con la “C”.

Al 92′ l’arbitro Magrini fischia la fine ed è festa grande, dopo una strepitosa cavalcata di un campionato vissuto sempre al vertice della classifica, il Messina può festeggiare il ritorno nel calcio che conta. Spazio, dunque, ai giri di campo dei giocatori sotto gli olè della curva. L’urlo di gioia, “strozzato” dallo 0-0 casalingo con il Cosenza due settimane fa, può finalmente essere liberato.

E’ una liberazione, una riscossa di una città che torna nelle piazze che le competono dopo cinque anni bui conditi da delusioni, penalizzazioni e campi in terra battuta. Il Messina è tornato, pronto ad una nuova cavalcata per provare a puntare sempre più in alto.