fbpx

Debiti della PA: al Comune di Reggio 187 milioni di €, boccata d’ossigeno per tutta la città

Reggio Palazzo San GiorgioLa Cassa depositi e prestiti ha  sbloccato ieri i pagamenti della Pubblica Amministrazione e, ai sensi di quanto previsto dal Decreto Lecce dell’8 aprile 2013 n. 35, ha concesso le anticipazioni di liquidità in favore degli Enti locali per un totale di 3,6 miliardi di euro. Le domande presentate dagli Enti locali, positivamente verificate dalla Cassa Depositi e Prestiti, sono state circa 1.500, per un importo complessivo di circa 5,76 miliardi di euro. L’importo effettivamente concesso, tenuto conto del plafond disponibile di 3,6 miliardi di euro, è stato determinato, ai sensi della normativa, secondo il criterio proporzionale, sulla base di una percentuale pari a circa il 62% dell’importo richiesto.
euroLe erogazioni delle suddette anticipazioni, pari a 1,8 miliardi per il 2013 e 1,8 miliardi per il 2014, saranno effettuate dalla Cassa Depositi e Prestiti con il  perfezionamento dei relativi contratti con gli Enti locali interessati.
Al Comune di Reggio Calabria sono stati assegnati 187 milioni di euro. Solo tre Comuni hanno avuto più fondi: Napoli (593 milioni), Roma (348 milioni) e Torino (238 milioni). Poi abbiamo 57 milioni a Salerno, 56 milioni a Pomezia, 40 milioni a Modica, 29 milioni a Pozzuoli, 27 milioni a Potenza, 24 milioni a Viareggio e così via fino ai comuni minori. Si tratta di fondi destinati esclusivamente al pagamento dei debiti maturati entro il 31 dicembre 2012. Adesso il Comune di Reggio (così come tutti gli altri), dovrà inviare alla Cassa Depositi e Prestiti una comunicazione-format del contratto di adesione al mutuo, che servirà all’approvazione definitiva della somma che, a quel punto, diventerà immediatamente fruibile e arriverà in città. Il tutto, verosimilmente, nel giro di un altro mese. Una boccata d’ossigeno non certo solo per Reggio Calabria, ma per tutte quelle aziende, quelle imprese e quei cittadini che in Italia attendono da tempo il pagamento delle fatture da parte degli enti pubblici vittima di una crisi di liquidità complessiva e generale su tutto il territorio nazionale.

comune reggio calabria palazzo san giorgioSODDISFAZIONE A PALAZZO SAN GIORGIO – La commissione che guida Palazzo San Giorgio è soddisfatta per l’arrivo di questi fondi, che dovrebbero consentire al Comune di uscire dalla lista degli “enti deficitari” a partire dal 2014. Si potrà così rivedere il Piano di Rientro presentato dalla commissione straordinaria qualche mese fa, e secondo fonti vicine alle stanze di Palazzo San Giorgio l’impressione è che con questi fondi possano essere risolti tutti i problemi economici del Comune.