fbpx

Catanzaro, sciopero dipendenti AMC. Gli studenti solidarizzano ma sottolineano i disagi

amcSi è svolto oggi lo sciopero totale dei dipendenti AMC, l’azienda del trasporto locale di Catanzaro. Damiano Carchedi e Umberto Frangipane, rappresentanti degli studenti dell’Università Magna Graecia, hanno pubblicato una nota nella quale solidarizzano con i dipendenti, ma sottolineano come gli studenti non possono essere “vittime trasversali di giochi di palazzo“. Ecco il testo della nota:

Gli studenti del Campus Salvatore Venuta, pur solidarizzando con i dipendenti Amc in agitazione per la decisione della Regione Calabria di tagliare il 50% del trasporto pubblico su gomma, mostrano la loro indignazione per il disagio certamente sproporzionato cagionato all’utenza studentesca e a quanti, per molteplici esigenze, avrebbero dovuto recarsi al policlinico universitario.

L’articolo 16 della nostra Costituzione sancisce la libertà di circolazione, l’articolo 3 l’uguaglianza sostanziale, l’articolo 34 il diritto allo studio per tutti, utti principi disattesi dallo sciopero selvaggio che si ripercuote sui cittadini. Anche il diritto di sciopero è sancito dalla nostra carta fondamentale, ma a condizioni ben precise che ci pare siano state volutamente tralasciate.

Gli utenti del Campus sono stanchi di essere vittime trasversali di giochi di palazzo. Comune, Provincia, Regione e Amc la smettano di fare dichiarazioni sterili e fini a se stesse e inizino a risolvere i problemi piuttosto che promettere mari e monti in campagna elettorale e riuscire a peggiorare le cose una volta stretti gli accordi. Diritto allo studio, diritto alla salute e diritto al lavoro, siamo tutti dalla stessa parte, le istituzioni la smettano di costringerci ad una guerra fra poveri!