Vibo Valentia: per l’omicidio Scaramozzino del 1993 due condanne e un’assoluzione

scaramozzino

Scaramozzino

Un’assoluzione e due condanne a 28 anni di reclusione. Questa la sentenza della Corte d’Assise di Catanzaro nei confronti di tre persone del Vibonese ritenute responsabili dell’omicidio di Placido Scaramozzino, parrucchiere di Acquaro, centro in provincia di Vibo Valentia, ucciso il 28 settembre 1993 ed il cui corpo non e’ mai stato ritrovato. Per il reato di omicidio, la pena di 28 anni di reclusione a testa e’ stata inflitta a: Antonio Altamura, 66 anni, ritenuto dagli inquirenti a capo del “locale di ‘ndrangheta” di Ariola, frazione di Gerocarne, ed a Vincenzo Taverniti, 53 anni, alias “Cenzo d’Ariola”, originario di Ariola ma residente a Stilo, in provincia di Reggio Calabria.