Uragano Lo Monaco: “Zamparini? Pronto a denunciarlo. Catania? Devolverò i 6,5 mln a famiglie Windjet”

lomonacoForse fin troppo facile paragonarlo a un uragano: è Pietro Lo Monaco, ex amministratore delegato del Catania ed ex direttore generale del Palermo, che a TuttoMercatoWeb.com non le manda a dire. Lo Monaco ne ha sia per Maurizio Zamparini, patron del Palermo, che definisce “instabile”, sia per il Catania e per il suo presidente Pulvirenti.

Zamparini aveva dato a Lo Monaco le chiavi della società, cedendogli il 10% e dandogli carta bianca per il mercato di gennaio. Dapprima contento per gli acquisti operati (Formica, Faurlin, Nelson, Sperduti, Sorrentino, Aronica, Dossena, Boselli) che avrebbero dovuto rivoluzionare l’organico rosanero e dare la spinta verso la salvezza, Zamparini, alle prime battute d’arresto della squadra, ha subito cambiato atteggiamento. Lo Monaco è stato messo alla porta e in più accusato di aver manovrato i tifosi, aizzandoli contro il presidente. A TMW il diretto interessato afferma di essere rimasto “allibito” dalle dichiarazioni del suo ex presidente e di aver dato mandato ai suoi legali, riservandosi un’eventuale denuncia.

Sulla questione Catania le parole di Lo Monaco appaiono possibilmente anche più dure. Conferma infatti a TMW di aver chiesto 6,5 milioni di euro di stipendi arretrati alla società di Pulvirenti perché ricopriva non solo il ruolo di DG, ma anche quello di Amministratore Delegato, carica per la quale non sarebbe mai stato pagato. Addirittura rivela che per l’iscrizione al campionato di Serie A 2011/2012 avrebbe anticipato di tasca propria gli stipendi dei calciatori di aprile 2011, altrimenti il Catania non avrebbe avuto le carte in regola. Sul credito che vanta con la società rossoazzurra, Lo Monaco ha le idee chiarissime: “Devolverò la cifra alle povere famiglie dei dipendenti Wind Jet“. La compagnia aerea in liquidazione è infatti di proprietà dello stesso Pulvirenti.