Taormina: approvato in consiglio comunale il Piano di Protezione Civile

il prof. Franco Ortolani

il prof. Franco Ortolani

Il Consiglio comunale di Taormina ha approvato all’unanimità martedì sera il nuovo Piano di Protezione civile. Il progetto che guarda alla salvaguardia dei residenti in caso di eventi calamitosi è stato realizzato in sinergia con il Comune di Amalfi, con apporti e valutazioni che hanno reso ancor più dettagliato e competitivo quanto predisposto, come riporta Blogtaormina.

Con questo strumento si potrà stabilire come affrontare eventuali eventi calamitosi ed organizzare una risposta operativa per ridurre al minimo gli effetti dell’evento, designare in anticipo le persone cui dovranno essere assegnate le diverse responsabilità per una pronta e coordinata risposta.

La stesura del piano è stata sovrintesa dal prof. Franco Ortolani, dell’Università Federico II di Napoli (uno dei massimi esperti in Italia in materia di salvaguardia ambientale), che ha sovrinteso l’equipe di lavoro insieme all’arch. Giuseppe Aveni, dirigente Responsabile Aziende Foreste Demaniali di Messina. Ha collaborato inoltre il Collegio Geometri di Messina.

Il piano contempla una serie di indicazioni per interventi strategici, finalizzati alla previsione di una rete dell’emergenza per proteggere la popolazione. Si attendeva proprio un’accelerazione nell’iter per l’adozione del nuovo Piano, che da parecchio tempo era già pronto, e la svolta è finalmente arrivata. Il Piano approvato dal Civico consesso prevede 12 elaborati: “Inquadramento del territorio; analisi del territorio; carta uso suolo; carta dei rischi; carta delle interconnessioni; carta della tipologia urbana; carta della densità della popolazione; analisi del territorio e criticità infrastrutturali; sistema portante strategico urbano; rilievo schedografico degli edifici strategici; vulnerabilità ed attrezzature strategiche; programmi e progetti per la costituzione della rete dell’emergenza”.

Questo studio – ha spiegato ai microfoni di Blogtaormina l’assessore alla Protezione Civile Carmelo Valentino - consentirà di affrontare in modo coordinata e pianificata ogni eventuale situazione di calamità. E’ stato fatto uno studio approfondito e certamente quanto elaborato consentirà alla nostra città di essere all’avanguardia nell’affrontare questa tipologia di problematica. Nella malaugurata ipotesi che dovessero accadere delle situazioni di particolare emergenza, possiamo dire che saremo pronti ad affrontarle, in modo molto più razionale ed efficace, con uno strumento qualificato e di assoluto rilievo strategico e operativo che ha studiato tutte le varie zone del nostro territorio”.

Il piano di Protezione Civile è stato illustrato in aula dall’arch. Salvatore Mondello: “la stesura del piano ha tenuto conto anche di eventi che hanno interessato la zona di Scaletta e Itala ed ha visto l’impegno di professionisti di fama nazionale ed internazionale, a partire dal prof. Ortolani, con una serie di studi e analisi interpretative sullo stato geo-morfologico del territorio di Taormina. La metodologia che abbiamo affrontato per la città di Taormina assume dei connotati molto diversi dalle procedure standard e non si sofferma solo sulla quantificazione di zone di ammassamento ed evacuazione o l’individuazione di un’analisi degli edifici ma affronta una visione strategico-urbanistica“.