Sparatoria a Roma, le forze dell’ordine non hanno usato le armi. L’attentatore è di Rosarno (RC)

03Le forze dell’ordine presenti a palazzo Chigi non hanno fatto uso delle armi. Lo hanno riferito all’ANSA fonti investigative. Lo sparatore e’ rimasto ferito durante una colluttazione mentre tentava di fuggire. Avrebbe sparato almeno 6-7 colpi, e oltre ai due carabinieri c’e’ anche una donna tra le persone ferite davanti alla sparatoria a Palazzo Chigi. La passante e’ stata ferita di striscio da un proiettile, non sarebbe in pericolo di vita ed e’ stata soccorsa dal 118 e trasportata in ospedale.

L’attentatore sarebbe un calabrese di 46 anni, Luigi Preiti, nato a Rosarno (Reggio Calabria), probabilmente affetto da patologie psichiatriche. Secondo quanto viene riferito l’uomo, sarebbe stato vestito in giacca e cravatta e non avrebbe suscitato alcun sospetto. Secondo chi si trovava nei palazzi che affacciano sulla Colonna Antonina, sarebbero stati sei o sette i colpi sparati dall’uomo. Affacciandosi alla finestra dopo l’esplosione, la scena era quella di gente che scappava da tutte le parti, mentre per terra c’erano i due militari a feriti.