Serie Bwin, il punto sulla 39^ giornata. Sassuolo, festa rimandata, cinquina Verona, colpo salvezza Bari

modena sassuolo 2-1 ardemagniInizia il rush finale, la tensione è alta su tutti i campi della serie Bwin, ormai agli sgoccioli, mancano soltanto tre giornate. I verdetti finali sono sempre più vicini. Situazione ancora aperta per quanto riguarda i play off, se si disputeranno, in zona play out invece 3-4 squadre più di tutte le altre sono sulla graticola, tra spareggi e retrocessione diretta.

Festa rimandata per la capolista Sassuolo (80 punti), che non può festeggiare la promozione aritmetica a causa della sconfitta nel derby con un Modena (54 punti) in gran forma nell’ultimo periodo. Il posticipo del venerdì si mette in discesa per i neroverdi, avanti con Catellani verso al fine del primo tempo, ma i canarini di Novellino capovolgono il punteggio nell’ultimo quarto d’ora, grazie alla doppietta del capocannoniere dei cadetti, Matteo Ardemagni, che sale così a quota 22.

Bene il Livorno (76 punti), che regola davanti al proprio pubblico il Vicenza (38 punti), ancora terzultimo. I labronici di mister Nicola vincono con una rete per tempo, nel primo Dionisi su rigore, dopo soli quattro giri di lancette, nel secondo il brasiliano Paulinho, che prima aveva fallito dagli undici metri e raggiunge quota 20 goal in stagione.cacia ascoli verona 0-5

Verona (75 punti) scatenato sul terreno del povero Ascoli (40 punti), quartultimo, gli scaligeri rifilano ai marchigiani di Silva un’implacabile conquina, maturata già nella prima frazione. Cacia dal dischetto, doppio Gomez, di cui uno dagli undici metri, il carioca Martinho ed ancora Cacia, anche lui in vetta alla classifica cannonieri seppur in condominio con Ardemagni, sono i marcatori dei gialloblù, che nella ripresa non infieriscono sui bianconeri.

Non molla l’Empoli (66 punti), che continua la rincorsa ai play off dopo il successo di misura sul Cesena (46 punti) nel posticipo giocato domenica all’ora di pranzo. Match winner al “Castellani” Ciccio Tavano su penalty poco dopo la mezzora.

Girandola di goal ed emozioni tra Novara (60 punti) e Padova (51 punti). Il team di Pea va in vantaggio al 18′ con Bonazzoli, i piemontesi reagiscono due minuti dopo grazie all’autorete di Dellafiore, quindi mettono il turbo e sovvertono il punteggio con Lazzari e Seferovic, in mezzo Iori si fa parare una massima punizione, nella ripresa i patavini, che sbagliano ancora un rigore, stavolta con Cutolo, riescono tuttavia a raddrizzare l’incontro con De Feudis e Cutolo in pieno recupero.ebagua varese cittadella 2-0

Ok il Varese (58 punti) che piega sul terreno amico il Cittadella (47 punti) e difende il sesto posto. I ragazzi di Agostinelli mettono la freccia poco dopo la mezzora per merito di Kone, il raddoppio arriva allo scadere ad opera del bomber Ebagua, alla marcatura stagionale numero 16.

Non molla il Brescia (56 punti), corsaro a domicilio della Reggina (42 punti), sempre quintultima. Alle rondinelle di Calori basta il colpo di testa del difensore francese De Maio su corner per portar via dal “Granillo” l’intera posta in palio e continuare la corsa agli spareggi promozione.

Un punto a testa per Juve Stabia (49 punti) e Ternana (48 punti). Sono le vespe poco prima del quarto d’ora a rompere il ghiaccio grazie a Bruno, le fere non mollano e rimettono la partita in equilibrio a dieci minuti dal termine con Alfageme.

Buon pari per il Crotone (48 punti), che torna imbattuto da Lanciano (45 punti), tr epunti sopra la zona play out. Dopo 8′ i pitagorici si portano in vantaggio con Abruzzese, i frentani di mister Gautieri rimediano poco prima dell’intervallo con Vastola, poi nel secondo tempo hanno l’occasione per portarsi in vantaggio, ma Volpe su rigore centra il palo.bari spezia 2-1

Fondamentale affermazione interna del Bari (47 punti) a scapito dello Spezia (48 punti). I galletti aprono le danze al 35′ con Sciaudone, il pareggio ligure arriva al 65′ per merito di Porcari, ma quattro minuti più tardi Fedato firma il definitivo sorpasso dellaformazione di Torrente, che vede più vicina la salvezza.

Infine, risultato ad occhiali, l’unico della giornata, tra le ultime due, Pro Vercelli (32 punti) e Grosseto (24 punti). L’undici di Braghin è ormai prossimo a seguire i maremmani, da qualche settimana precipitati in Lega Pro.