Serie Bwin, il punto sulla 38^ giornata. Sassuolo vicino alla A, Verona +9 sull’Empoli, cade il Novara, risveglio Vicenza

1366473482174sassuolo_esulta_lapresseA 4 giornate dall fine, giochi ancora aperti in serie Bwin per quanto riguarda la promozione diretta o la possibilità di disputa dei play off, adesso terza e quarta sono divise da 9 punti, ancora di più per quanto riguarda la lotta per evitare la retrocessione.

E’ ormai a pochi passi dalla serie A la capolista Sassuolo (80 punti), che piega davanti al proprio pubbblico il Bari (44 punti). I neroverdi mettono la freccia al 23′ grazie a Pavoletti, nella ripresa i galletti impattano grazie a Defendi al 73′, ma sei minuti più tardi i ragazzi di Di Francesco trovano la vittoria numero 24 in campionato per merito del difensore goleador Terranova.

Bene anche il Livorno (73 punti) che si aggiudica il derby toscano a domicilio del già retrocesso Grosseto (23 punti). Apre le danze dopo 13 giri di lancette Paulinho, nella seconda frazione l’attaccante brasiliano continua il suo personalissimo show, coronato da altri due goal, per un totale di 19 in stagione, secondo miglior cannoniere della cadetteria.

Sorride il Verona (72 punti), che nel posticipo serale del lunedì piega il Brescia (53 punti), sceso in settima posizione. Avvio infuocato al “Bentegodi”: rondinelle avanti al 4′ con Caracciolo, risponde due minuti dopo lo scaligero Jorginho, quindi all’ 11′ di nuovo l’Airone per il team di calori, nella ripresa i gialloblù prima impattano grazie a Gomez, quindi effettuano il sorpasso con la doppietta di Cacia.

novara modena 0-1Si ferma il Novara (59 punti), che vede interrompersi la sua grandissima marcia tra le mura amiche per mano di un Modena (51 punti) che può anche dare una timida occhiata ai play off. Al “Piola” il match winner per i canarini di Novellino è il difensore Gozzi ad inizio secondo tempo.

Si riscatta il Varese (55 punti) che, con l’avvento di Agostinelli in panca al posto di Castori, viola il difficile terreno della Ternana (47 punti) e torna sesto. I lombardi si impongono di misura sulle fere in virtù della rete di Neto Pereira poco dopo il rientro dagli spogliatoi.

Per quanto riguarda l’intricatissimo discorso salvezza, sembra essersi tirato fuori il Padova (50 punti) dopo l’en plein sul terreno dell’Ascoli (40 punti), quartultimo, nel primo posticipo del lunedì. Decide tutto il centro del brasiliano Ze Eduardo poco dopo la mezzora.

Fondamentale successo dello Spezia (48 punti), che rifila un inatteso tris all’Empoli (63 punti) e si allontana dalla zona caldissima. I liguri di Cagni archiviano la pratica già nel primo tempo grazie ad Antenucci e Okaka, nella ripresa completa il tabellino Di Gennaro.

Ok anche il Cittadella (47 punti), che sfrutta a dovere il fattore casa e ha la meglio con il minimo scarto ai danni della Juve Stabia (48 punti). Al “Tombolato” il timbro risolutivo per i veneti di Foscarini è di Di Carmine in apertura di seconda frazione.

Finisce in parità il derby di Calabria tra Crotone (47 punti) e Reggina (42 punti). Allo “Scida” sagra del penalty: amaranto avanti al 22′ grazie a Gerardi su rigore, undici minuti dopo rispondono i rossoblù dal dischetto con Gabionetta, sempre il brasiliano ed ancora dagli undici metri al 58′, undicesima marcatura stagionale, capovolge la situazione, quando ormai i pitagorici sono pronti a festeggiare, al 94′ Freddi evita un pesante k.o. per il collettivo di Pillon.

Termina senza nè vincitori nè vinti anche la sfida tra Cesena (46 punti) e Lanciano (44 punti). Sono i frentani a rompere il ghiaccio dopo soli 6′ con Piccolo, i romagnoli acciuffano il pari al 58′ grazie al proprio bomber Succi.Varese-Vicenza serie B

Si è risvegliato il Vicenza (38 punti), che torna in corsa per la permanenza dopo l’affermazione ai danni della Pro Vercelli (31 punti), ormai spacciata. Apre le danze il bulgaro Bojinov poco prima del quarto d’ora, nei secondi 45′ i biancorossi mettono al sicuro il risultato con Malonga e Bellazzini, il punto della bandiera dei piemontesi è realizzato da Iemmello.