Scopelliti: “il Paese è al collasso sociale, siamo senza Governo da 50 giorni e rischiamo il disastro”

scopellitiIl Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha dichiarato che: “Iniziano già le prime manifestazioni davanti Montecitorio dei lavoratori in cassa integrazione preoccupati per la mancanza di fondi. Il paese è al collasso sociale – ha affermato Scopellitida cinquanta giorni assistiamo solo al balletto scandaloso che qualche irresponsabile che non ha vinto le elezioni ha pensato bene di mettere in scena pur di veder realizzato il suo sogno, sedersi a palazzo Chigi. Questa crisi economica mondiale che ha investito anche l’Italia è la più dura dal dopoguerra. Ogni misura di sostegno prevista per chi perde il lavoro è fondamentale per non permettere alcuna smagliatura in un tessuto sociale già duramente provato dalle chiusure delle piccole e medie imprese soprattutto al Sud dove il governo Monti ha causato molti danni e non ha investito neanche un euro per lo sviluppo. A febbraio, a forza di pressioni sul ministero, siamo riusciti ad ottenere i pagamenti della Cassa integrazione in deroga per le esigenze residue del 2012. Oggi, con la stessa tenacia e iniziando fin da ora a richiamare i parlamentari calabresi alla mobilitazione, anche la più dura se dovesse servire, per difendere i lavoratori del nostro territorio e le loro  famiglie, chiedo al Ministro Fornero di attivarsi per scongiurare l’ eventuale esaurimento delle risorse previste per il 2013. Senza questa misura a sostegno si rischia non solo il continuo e inesorabile spopolamento del territorio da parte dei giovani, costretti a emigrare per trovare lavoro, ma anche di incrementare pericolosamente inutili drammi familiari a cui siamo ormai quotidianamente abituati. Fino a che questo Governo sarà in carica pretendiamo meno lacrime d’ipocrisia e una risposta immediata, che si faccia immediatamente e a qualunque costo una manovra aggiuntiva, anche a rischio di sforare i bilanci dello Stato o il patto di stabilità – ha concluso il Presidente Scopellitima i soldi della cassa integrazione in deroga per il 2013 devono essere trovati e i lavoratori e le loro famiglie tutelati”.