Reggio: finalmente uno spiraglio per l’istituto Boccioni di Gallico

Scuola boccioniDi seguito la nota diffusa dal Comitato per la Scuola Media “Boccioni” di Gallico: Probabilmente la travagliata vicenda dell’Istituto Boccioni di Gallico è arrivata ad una svolta decisiva. Il 28 marzo, una delegazione composta da rappresentanti politici e di associazioni culturali del territorio, presente anche il Dirigente scolastico, ha affiancato una rappresentanza di genitori e docenti, che a seguito dell’assemblea del 31 ottobre scorso hanno dato vita ad un comitato in difesa dell’Istituto Boccioni. Il comitato, che nei mesi scorsi ha promosso una petizione che ha registrato oltre 500 adesioni al fine di trovare una soluzione definitiva per le problematiche dell’edificio scolastico più importante per il territorio gallicese, ha finalmente incontrato i commissari del Comune di Reggio Calabria. All’incontro hanno partecipato: Francesca Albanese, Paolo Cartella, Teresa Foro e Daniela Pellegrino per i genitori e i Professori Angelo Barillà e Antonio Speranza per il corpo docente, con il presidente del consiglio d’istituto avv. Santo Delfino e il Dirigente scolastico dott. Antonio Princi; il consigliere regionale Giuseppe Giordano, l’ex presidente della IX Circoscrizione Domenico Idone, il coordinatore del circolo “Eugenio Musolino” di SEL Prof. Stefano Morabito, l’ex consigliere comunale Avv. Aldo De Caridi. Per l’Amministrazione comunale comune erano presenti  il prefetto, dott. Vincenzo Panico e, per la parte tecnica, l’Arch. Marcello Cammera e il dott. Giuseppe Quartuccio.Durante il confronto il Dott. Panico ha tenuto a sottolineare come la Commissione straordinaria, pur insediatasi da pochi mesi abbia cercato, fra le varie incombenze, di definire in modo concreto le opere e gli interventi pubblici che potranno realizzarsi nell’immediato futuro sulla base della effettiva copertura finanziaria. In tal senso, la Commissione ritiene prioritari gli interventi di messa in sicurezza delle scuole e, di conseguenza, il recupero dell’edificio scolastico U.Boccioni. L’arch. Cammera ha individuato come possibile intervento il consolidamento strutturale e il Dott. Panico ha comunicato l’inserimento dell’intervento nel corrente piano annuale delle opere pubbliche del Comune, per il cui finanziamento sono state individuate due soluzioni percorribili: la prima attraverso lo storno di risorse finanziarie nascenti da mutui precedentemente accesi per opere, allo stato, non più ritenute prioritarie, la seconda sfruttando le possibilità offerte dall’art. 145 del testo unico degli enti locali che da la possibilità ai comuni commissariati di accedere in via prioritaria ai finanziamenti pubblici.Alla luce di quanto emerso, si è registrata la soddisfazione dei partecipanti all’incontro per le prospettive concrete che sono state illustrate dopo tanti anni di silenzio e disinteresse da parte delle varie amministrazioni comunali del passato. In questa direzione si è stabilito che entro venti giorni, vi sarà una visita dei commissari sul territorio e le parti si incontreranno nuovamente definire gli ulteriori passaggi amministrativi.