Reggio, assenteisti al Comune: a denunciare tutto non fu Raffa ma anonimi cittadini

comune reggio calabria palazzo san giorgio

Tutto è partito dagli esposti anonimi dei cittadini. E’ la città stessa che si è ribellata all’assenteismo e al malcostume perpetrati da alcuni dipendenti del Comune di Reggio”: è la precisazione del Comandante della Guardia di Finanza della provincia di Reggio Calabria, Claudio Petrozziello (nella foto in basso a destra), nel corso di un’intervista rilasciata in esclusiva a ReggioTV, parlando dell’operazione “Torno subito” che nei giorni scorsi ha smascherato le malsane abitudini assenteiste di molti dipendenti del comune di Reggio Calabria.

T2Da quando sono arrivato qui ho notato un’escalation positiva portata dai cittadini onesti di Reggio - spiega il colonnello Petrozzielloche per ora si manifesta in maniera particolare, ovvero attraverso esposti anonimi (ma molto dettagliati) che lasciano trasparire una certa sete di giustizia. Giustizia sociale di cui i reggini evidentemente si sentono defraudati. Un esempio di questa particolare forma di collaborazione dei cittadini con noi è rappresentata dall’ultima inchiesta che abbiamo reso pubblica, quella sull’assenteismo dei dipendenti di Palazzo San Giorgio. Io non voglio assolutamente sminuire quello che è stato il ruolo svolto dall’allora sindaco di Reggio facente funzioni Giuseppe Raffa - continua Petrozziello nell’intervista a RTV - ma, in realtà, tutto è partito proprio dai cittadini, dai loro esposti anonimi“. “Lettere senza firma, ma con tanto di orari, spostamenti, segnalazioni dettagliate, che lasciavano trasparire diversi spropositi ed eccessi nel comportamento da parte di alcuni impiegati comunali reggini. Naturalmente - aggiunge il Comandante - poi la collaborazione delle istituzioni del Comune è stata totale ed è stata fondamentale“.

Grazie ai cittadini allora? ”Immagino – risponde il colonnello – che dietro la penna di chi ha scritto quegli esposti ci sia un comportamento esemplare, che di conseguenza porta ad avere fame di giustizia. Questo è già apprezzabile. Quando arriveremo ad avere delle denunce firmate, beh, avremo raggiunto un traguardo immenso. Sarà il successo della Reggio perbene che vince sulla Reggio del malaffare“.