Reggio, alla facoltà di Agraria domani un Seminario “Restauro forestale e ambientale e qualità del paesaggio”.

agrariaGiovedì 18 Aprile 2013 alle ore 10:00, presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, avrà luogo un seminario dal titolo “Restauro forestale e ambientale e qualità del paesaggio”. Il seminario è promosso e organizzato da RurAL (Rural Architecture and Landscape working group) del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e dalla SIRF (Società italiana di Restauro Forestale).

Il concetto di Restauro forestale (Forest Restoration) è un tema emergente nel dibattito scientifico e tecnico in ambito nazionale e internazionale. In numerosi Paesi, oltre che un preciso obiettivo di gestione nelle aree naturali protette, il restauro degli ecosistemi forestali degradati rappresenta oggi uno dei maggiori obiettivi della ricerca forestale applicata e delle strategie di politica forestale.

La gestione forestale sostenibile, infatti, alla luce dei più recenti indirizzi, dovrebbe oggi essere riformulata secondo tre prospettive: “Evoluzione libera o controllata” (Riserve Naturali Integrali, Zone con equilibrio idrogeologico molto fragile), “Uso forestale” per i boschi cosiddetti resilienti (in grado cioè di ripristinare la condizione di equilibrio a seguito di interventi esterni), applicando le procedure selvicolturali tradizionali, “Restauro” per i boschi che non hanno un grado di resilienza accettabile e che non sono più in grado di fornire i cosiddetti servizi ecosistemici alla comunità (produzione primaria, regolazione del ciclo dell’acqua e dei nutrienti, mitigazione dei rischi, valori estetici, ricreativi e culturali, ecc.). Obiettivo degli interventi di restauro forestale è proprio quello di riportare un bosco ad uno stato di resilienza ripristinandovi dinamiche equilibrate di trasformazione.

Il seminario vedrà la partecipazione di diversi docenti e ricercatori del Dipartimento di Agraria e sarà introdotto dal Prof. Giovanni Gulisano, direttore del Dipartimento. Successivamente Salvatore Di Fazio svolgerà una relazione sul tema “Multifunzionalità e qualità del paesaggio forestale mediterraneo”, mentre Giovanni Spampinato tratterà “Le serie dinamiche della vegetazione quali modelli negli interventi di restauro forestale”. La definizione dell’indice di degrado del bosco mediterraneo attraverso un approccio di tipo multicriteriale sarà al centro della relazione di Giuseppe Modica, Angelo Merlino e Francesco Solano. La relazione affidata a Silvio Bagnato, Roberto Mercurio e Francesco Scarfò tratterà infine il tema della “Mitigazione degli impatti sul paesaggio delle attività forestali”.