Reggina-Sassuolo, gli ex: tornano al Granillo Laverone e Simone Missiroli

Foto Lorenzo Laverone (73)Sono due gli ex della sfida in programma domani sera tra Reggina e Sassuolo ed entrambi militano tra le file dei neroverdi. Si tratta di Laverone e Missiroli.

Lorenzo Laverone ha indossato la casacca amaranto nella stagione 2010/2011. Approda a Reggio Calabria a parametro zero dopo essersi ritrovato svincolato a causa del fallimento dell’Arezzo, squadra in cui aveva giocato nell’annata precedente. Nella prima parte di campionato mister Atzori si affida spesso e volentieri all’esterno destro toscano, che sopperisce qualche limite tecnico con una gran corsa, poi progressivamente, complice un netto calo, perde il posto a scapito di Colombo. Saranno 22 le apparizioni complessive alla fine. Nell’estate del 2011 si trasferisce in comproprietà al Sassuolo, che a gennaio lo da in prestito alla Nocerina, quest’anno torna in Emilia dove finora ha visto poco il campo con mister Di Francesco.

Simone Missiroli Simone+Missiroli+Reggina+Calcio+v+Alessandria+Z4ZDTcNO3Delè il grande ex della partita. Figlio d’arte, il padre Battista ha giocato nella Reggina negli anni ’70, e figlio del Sant’Agata, il trequartista di Gallina fa tutta la trafila nel settore giovanile amaranto fino all’esordio in prima squadra, che arriva nell’aprile 2005 in un Brescia-Reggina 2-0. Nella stagione 2005/2006 arrivano le priem reti con la maglia della Reggina, il primo goal in assoluto al “Marassi” nell sconfitta con la Sampdoria per 3-2, e la prima volta a Reggio contro il Treviso, nel k.o. per 1-2. Resta in riva allo Stretto fino al 2008, ritagliandosi sempre più spazio, soprattutto con Ulivieri, poi viene mandato a farsi le ossa in B al Treviso per l’annata 2008/2009 con ottimi risultati, tanto che l’anno dopo rientra alla base, partecipando come una delle poche note liete alla disastrosa stagione 2009/2010. Si consacra alla Reggina sotto la guida di Atzori nella prima parte del torneo 2010/2011, che gli vale la chiamata della massima serie da parte del Cagliari. Il soggiorno in Sardegna si rivela però un breve passaggio e Missiroli torna alla Reggina, di cui diventa il capitano. Un’altra prima parte di campionato con i fiocchi lo porterà via lontano da Reggio, ma stavolta a titolo definitivo: nel gennaio 2012 infatti viene ceduto al Sassuolo. Per lui 153 presenze con la Reggina e 21 goal. Martedì sera sarà la prima volta da avversario nel suo stadio, a casa sua.