Reggina, Pillon: “Partita importantissima, ma non decisiva. Conta la mentalità, bisogna lottare”

pillonAlla vigilia dello scontro diretto con il Bari in programma domani sera, ha parlato l’allenatore della Reggina Bepi Pillon. Il tecnico amaranto prova a stemperare la tensione per lo scontro con una diretta concorretne per la salvezza: “Partita della vita? Chiariamolo subito, è una partita importantissima, ma non certo decisiva, ci saranno ancora 7 giornate e 21 punti a disposizione, tantissimi in un campionato come questo, con una classifica cortissima che settimanalmente ribata giudizi, verdetti e prospettive. Non dobbiamo farci prendere dall’ansia di dover far risultato, consapevoli di avere un manuale di quanto sia necessario non fare: la prestazione offerta a Varese. Si può vincere e perdere ma conta la mentalità, la voglia di arrivare al risultato, bisogna lottare. Una gara come quella dell’Ossola faccio fatica a digerirla, non ci sono alibi per nessuno”.

Il trainer ex Chievo Verona e  anche Bari fa un quadro della situazione in casa amaranto: “Abbiamo completato un buon lavoro in questa settimana: è stata la prima senza l’incombenza di un impegno ufficiale all’orizzonte. Ci siamo concentrati sulle esercitazioni finalizzate al recupero di una buona esplosività, rapidità, brillantezza: sono curioso di vedere che tipo di risposta darà la gara di domani. Di Michele, Colucci e Barillà hanno recuperato dai rispettivi problemi e sono pronti, questa mattina Freddi ha accusato un fastidio alla schiena: lo valuteremo nelle prossime ore”.

Infine un giudizio sull’avversario di domani: “Il Bari è una squadra forte, viva, in grande forma. Hanno parecchie soluzioni offensive, li ho visti giocare e mi sono piaciuti molto perchè propongono un calcio di ottimo livello. Dovremo fare attenzione, in particolar modo nelle palle inattive, altro fondamentale nel quale sono molto capaci ma non dobbiamo avere timore. Dovranno venire qui, al Granillo, ci siamo anche noi e siamo pronti”.