Ragusa, violentava le figlie della sua convivente. In manette dipendente comunale

violenzaUn 51enne di Ragusa, dipendente comunale,  finito in manette con l’accusa di abuso sessuale nei confronti di due ragazzine, di 12 e 14 anni, figlie della sua convivente. Le due vittime avrebbero subito abusi già a partire da tre anni fa. Ora le due minorenni sono state affidate alla custodia paterna. Pare infatti che la madre, compagna dell’arteficie degli abusi, ne fosse a conoscenza e abbia sempre taciuto. Il Gip, Claudio Maggioni, che ha emesso l’ordine di custodia cautelare in carcere per l’impiegato,  ha imposto alla donna il divieto di avvcinarsi alle ragazzine. Le indagini erano state avviate a gennaio dopo la denuncia del padre e di una zia delle vittime e sono state coordinate dal Pm Caludia Maone.