Presentato a Bova il volume di Franco Tuscano “Edward Lear e la Bovesìa”

Il tavolo dei relatoriSi è concluso con un successo di presenze e di consensi l’ultima presentazione in ordine di tempo, promossa ed organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bova. Presentato qualche giorno addietro nella sala del consiglio comunale, in collaborazione con le Associazioni culturali Paleo Cosmo e “I Chòra”, il volume di Francesco Tuscano dal titolo “Edward Lear e la Bovesìa”. Un altro lavoro dedicato allo scrittore e paesaggista inglese che nel 1847 attraversò a dorso di mulo l’Aspromonte riportando la sua straordinaria esperienza in un volume dal titolo “Diario di un viaggio a piedi”. Presenti all’incontro, moderato dal vice sindaco di Bova Gianfranco Marino, oltre all’autore anche il primo cittadino Santo Casile, il consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri, e tra i relatori il luogotenente Cosimo Sframeli e lo storico Natale Zappalà presidente dell’Associazione “La Fenice dello Stretto”. Analisi del contesto storico, ndrangheta e brigantaggio nel 1800, questi solo alcuni dei temi trattati nel corso di un incontro che ha dato l’opportunità di rivisitare la storia attraverso una fotografia degli eventi regalataci dallo studio di Franco Tuscano. L’analisi attenta di Tuscano ci regala un suggestivo scorcio dell’Area grecanica di metà ottocento, gli affreschi di Lear e le sue minuziose descrizioni cristallizzano un’epoca che rivela la natura impervia di un’area dal fascino immutato. Soddisfatto a fine incontro il primo cittadino di Bova Santo Casile. “In archivio con successo anche quest’ultimo appuntamento – dice – segniamo un altro importante tassello nel progetto culturale che stiamo portando avanti da quasi due anni. L’elenco dei volumi presentati nel nostro centro è sempre più lungo e di prestigio, e ci consegna un bilancio estremamente positivo rispetto al traguardo che ci eravamo imposti, quello di fare diventare Bova importante punto di riferimento per eventi culturali legati all’editoria”.