Polistena, democratici:”il sindaco, che tenderebbe a metterci in bocca propositi che non abbiamo”

306497_3454154723302_1428955377_n

Pino Varamo, Segretario Pd Polistena, Comunicato:

Proseguendo nel piano di lavoro “la parola ai cittadini”, è nostro preciso e inderogabile dovere segnalare al signor Sindaco, l’incuria in cui versa la nostra città.
Ci spiace che tale nostro impegno irriti l’Amministrazione comunale, ma le problematiche che veicoliamo ci vengono esposte dai cittadini.

Pertanto, la scomposta reazione alla nostra recente lettera aperta, fatta di offese e insulti ai dirigenti del Partito Democratico li consideriamo un vero e proprio attacco ai cittadini polistenesi preoccupati per la sicurezza ed il decoro urbano.
“IL MERCATO NON SI TOCCA” scrive il Sindaco; ma chi ha mai parlato di toccarlo; è codesto, sig. Sindaco, un vecchio trucco ormai smascherato, che tenderebbe a metterci in bocca propositi che non abbiamo ….. anzi.
Si è posto un problema di sicurezza: “l’ambulanza, per come sono sistemate le bancarelle, non può passare” e non abbiamo, i cittadini non hanno avuto, risposte, anzi si suggerisce il passaggio da via S. Marina, ma il sig. Sindaco forse non è a conoscenza che nemmeno da nord si può passare.
In merito alla riattivazione della fontana, altro argomento sottoposto all’attenzione, va puntualizzato che dopo lo smantellamento dell’umiliante “BARCA”, che i cittadini hanno avversato sin da subito, è stata realizzata, dalla precedente Amministrazione comunale, una Piazza con una fontana meritoria di attenzione e di orgoglio diffuso.
Sono tre anni che l’attuale Amministrazione si è insediata ma la fontana non è mai stata attivata, salvo il giorno della manifestazione contro tutte le mafie, in quel giorno era importante ben figurare al cospetto delle varie Rappresentanze Istituzionali convenute a Polistena. Il giorno successivo, stop al funzionamento della Fontana!
Vi restano ancora due anni ed auspichiamo, quindi, che si riesca a restituire ai Cittadini ad alla Città la fontana funzionante.
Sul degrado in cui versa il verde pubblico sulla stessa via si nega l’evidenza.
Aggiungiamo però che il problema non riguarda solo viale della Rivoluzione d’Ottobre, ma tutto il verde della città, realizzato con fatica e sacrifici, versa in stato di abbandono e di degrado, per non parlare poi delle aree antistanti i complessi popolari che possiamo considerare indegne di una società civile.
Ci pregiamo di segnalare, per un immediato ed in taluni casi riparatore, intervento: tutte le aiuole presenti nelle aree di accesso alla città; tutte le aree antistanti gli alloggi popolari: via Turati, via Pizzarelli, via Carlo Marx; ed ancora: la Piazzetta di Via Turati – angolo Via S. Milano, Piazza Valarioti, Piazza Diaz, Via Immacolata, Villa Santa Maria, Villa Italia (è vero che contro le intemperie non c’è nulla da fare, ma se se s’intervenisse per tempo con un’opera di bonifica, si potrebbero evitare anche le catastrofi).
Infine, consentiteci di rivolgervi una supplica: prendervi cura di un patrimonio storico in stato d’abbandono, che rappresenta un pezzo fondamentale della nostra storia: La fontana e le vasche di “Gaetanello”. Ricordiamo ai nostri amministratori, forse ignari del valore storico di quel sito, che fino ai primi anni 70 i cittadini residenti della zona, quotidianamente vi si recavano per fare il bucato e per rifornirsi di acqua. Per questi motivi, per il legame affettivo dei polistenesi a quel luogo e per la memoria storica di tutta la cittadinanza, chiediamo un sollecito intervento di bonifica e di riqualificazione.
Vogliamo, per finire, tranquillizzare la cittadinanza che il gruppo dirigente di questo Partito, nato attraverso una normale fase congressuale nel mese di settembre 2012, continuerà nel suo lavoro costante d’interlocuzione con la gente senza farsi intimidire dall’aggressività del Sindaco, che non ammette suggerimenti o segnalazioni che provengono dai Cittadini.
Sollecitiamo chiunque volesse farlo a segnalare al circolo o al sito internet del Partito Democratico di Polistena le problematiche e le disfunzioni che ritenessero opportune; troveranno in questo Partito ed in questa classe dirigente l’attenzione e la sensibilità necessari per sollecitare ed incalzare l’attenzione dell’Amministrazione comunale per i necessari provvedimenti.