Palermo: proseguono le ricerche dei due dispersi in mare il 24 marzo

guardia costieraSono proseguite ininterrottamente anche durante i giorni di festa le ricerche dei due diportisti trentenni dispersi nel golfo di Palermo lo scorso 24 marzo. Ieri, su un’area compresa tra il capoluogo siciliano e lo specchio di mare antistante Cefalù, sono state impegnate tre motovedette della Guardia Costiera e una dei Vigili del fuoco che si sono alternate durante l’arco della giornata. Oggi saranno impiegate sette motovedette, mentre la zona sarà sorvolata da due elicotteri della Guardia di Costiera e della Guardia di finanza.

Sotto costa, invece, continuano le perlustrazioni da parte delle unità costiere e dei gommoni nonché l’attività di ricerca di profondità da parte dei sommozzatori di Guardia Costiera, Vigili del Fuoco, Polizia e Guardia di Finanza lungo il litorale compreso tra il porticciolo della Bandita e Aspra. I tre diportisti, Massimiliano Perricone, Salvatore Zarcone e Davide Arena, amici e colleghi di lavoro nella vita, erano usciti domenica 24 marzo per una battuta di pesca, come altre volte in passato avevano fatto. Probabilmente la loro piccola imbarcazione è stata investita da un’onda e da allora non hanno più fatto ritorno a casa. Al momento il mare ha restituito soltanto il corpo senza vita di Davide Arena e alcuni oggetti che potrebbero far parte dell’equipaggiamento della barca.