Oppido Mamertina, Giacomo Battaglia e Gigi Miseferi presenteranno “Cera duo volte in Albis”

imagesGiacomo Battaglia sarà presente domenica, alle ore 18.30, nella Cattedrale di Oppido Mamertina per presentare insieme a Gigi Miseferi “Cera duo volte in Albis”. Si toglieranno la veste comica per trasferire, invece, la profondità della vita.
Leggeranno il Vangelo di Matteo e di Giovanni. Poi narreranno la saggezza di vita contenuta nelle favole e nelle fiabe di un tempo.
Gocce di vita vera trasferite a chi, ancora oggi, sente il desiderio di volersi dissetare nel mare della semplicità rispondendo, così, nel modo migliore alla complessità della vita.
Non sarà solo narrazione ma anche musica e canto. Momenti speciali, considerato il contesto in cui verranno tutto si svolgerà: la cattedrale di Oppido, dove musica e canti voleranno alti per trasferire un messaggio di pace.
Le musiche composte da Sandro Scialpi ed eseguite in scena dallo stesso autore insieme ad Argira Morabito ed Enzo Bruzzere, regaleranno con la voce di quest’ultimo, emozione nell’emozione. Il tutto sotto la brillante regia di Francesca Grenci che ha curato ogni dettaglio.
Giacomo Battaglia si è detto fortemente emozionato per questa iniziativa perché “non è recitazione ma espressione dell’animo. Momenti in cui l’uomo entra nella radicalità della propria vita per cercare di esprimere a se stesso e agli altri, il meglio di sé”.
Lo facciamo sempre, ha detto Battaglia, ma questa volta il contesto e soprattutto la lettura del Vangelo ci chiedono molto di più.

“Non leggeremo una semplice lettura ma la Parola di Dio. Questo mi emoziona più di ogni altra cosa. Spero solo di riuscire ad esprimere la profondità di ogni Parola e il calore di quanto è contenuto nel Messaggio di Dio”.
Battaglia, vestirà un nuovo ruolo: sarà motore di profondità e di saggezza con l’intento di riuscire a trasferire negli altri l’essenza di ogni contenuto.
“Ciò che faccio, in questo contesto, ha detto Battaglia, lo sento come una missione poiché è riuscendo a far meditare e riflettere che l’uomo arricchisce se stesso e gli altri. Per questo posso affermare che non c’è soddisfazione più grande nel sapere che le parole possono, al pari delle scintille innescare un fuoco di vita in quanti cercano risposte concrete per la propria esistenza”.
Vivi ringraziamenti sono stati espressi nei riguardi dell’assessore provinciale alle attività produttive, Domenico Giannetta che ha fortemente voluto questa innovativa manifestazione inserita all’interno delle festività in onore di Maria Santissima Annunziata.
Iniziativa, questa, che arricchirà il tessuto umano colorando “in albis” il vestito interiore di chi cerca profondità nella propria vita.