Muos, sindaco Niscemi conferma appoggio di Palazzo Chigi: “rispettati gli impegni”

0801103-N-9698C-001I lavori di costruzione del sistema satellitare Muos, nella base americana di contrada Ulmo a Niscemi, resteranno rigorosamente fermi fino al 31 maggio prossimo e nessun operaio accedera’ all’impianto fino a quella data. E’ quanto emerso dalla missione a Roma della delegazione di amministratori niscemesi, guidata dal sindaco nisseno, dopo un incontro col governo nazionale a Palazzo Chigi, alla presenza del governatore della Sicilia, Rosario Crocetta.

La scadenza del 31 maggio dovrebbe coincidere con il giorno in cui saranno consegnati i risultati dell’indagine medico-scientifica sugli effetti che i potenti campi elettromagnetici del Muos causeranno sull’ambiente e sulla salute dei cittadini del comprensorio di Niscemi. I particolari dell’incontro romano sono stati resi noti, oggi, in una conferenza stampa, dal sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, il quale ha ammonito che ”se non saranno rispettati gli impegni presi, saro’ il primo a scendere al fianco degli attivisti No Muos e a bloccare chi violera’ la tregua”.

Crocetta si sarebbe rifiutato di ritirare il proprio decreto di revoca delle autorizzazioni per la costruzione del radar satellitare, ma avrebbe dato la propria disponibilita’ a esaminare la possibilita’ di consentire i lavori di manutenzione delle altre 46 antenne esistenti da tempo nella base militare statunitense. Nel frattempo, gli attivisti No Muos hanno ribadito che i loro presidi verranno mantenuti invariati, anzi con maggiore vigilanza verso possibili violazioni.