Milazzo: la bellezza paesaggistica del Sentiero Naturalistico del Capo. Le foto

DSCF4343Un angolo di natura, con scorci mozzafiato, e che molti però purtroppo non conoscono. È il Sentiero Naturalistico di Capo Milazzo, un percorso di recente reso nuovamente agibile e fruibile (ve ne avevamo parlato a dicembre in questo articolo), che può trasformarsi, a ridosso della stagione estiva, in una delle principali “attrazioni” della città. Il percorso prevede la discesa verso la Baia di Sant’Antonino, costeggiando la parete rocciosa del Capo. Si arriva quindi alla “tonnarella”, dove sono ancora presenti i resti delle rimesse dei pescatori, ormai abbandonate.

Si risale quindi verso la Torre Ottagonale, da molti ritenuta a torto una postazione militare, in realtà luogo di villeggiatura estiva di un aristocratico milazzese. La sua costruzione risale al 1895. Si “scavalca” il Capo per passare dalla Riviera di Ponente a quella di Levante. Qui si può scendere verso i caratteristici Laghetti di Venere, ed ammirare lo Scoglio della Portella, più comunemente conosciuto dalla popolazione locale come “Carciofo”. Per finire, il sentiero passa vicino Punta Mazza e alla base del Faro, attraversando l’uliveto della Baronia, appartenente alla Fondazione Lucifero, che ha contribuito, insieme all’Azienda Foreste di Messina, al recupero dell’intero percorso.

Di seguito alcune foto che possono dare un’idea della bellezza del Sentiero Naturalistico (scatti di Dario Lo Cascio e Nancy Nastasi).