Messina: presentata a Palazzo Zanca la proposta di adesione alle strategia Rifiuti Zero

foto13E’ stata illustrata stamani a Palazzo Zanca dal presidente del Consiglio comunale, Giuseppe Previti, la proposta di delibera “Rifiuti Zero”, finalizzata al raggiungimento del traguardo dell’azzeramento dei rifiuti entro il 2020, stabilendo per l’anno in corso il 45 per cento della raccolta differenziata, per il 2014 il 55 per cento e il 65 per il 2015.

Nel provvedimento si mira alla realizzazione a breve di un centro comunale per la “riparazione e il riuso”, dove ben durevoli e imballaggi potranno essere reimmessi nei cicli di utilizzo, ricorrendo eventualmente anche all’apporto di cooperative sociali e al mondo del volontariato. Previsti quindi la creazione di impianti di biostabilizzazione, di compostaggio e di valorizzazione della frazione organica recuperata e trasformata in compost, di ecopunti per l’incentivazione dell’autoconferimento per sensibilizzare la riduzione, il riuso e il riciclo, e di impianti di trattamento a freddo dei rifiuti residui, che spingono ad un ulteriore recupero di materia, l’eventuale sfruttamento senza combustione dell’energia ricavabile dai rifiuti e la possibile produzione di materia prima.

Obiettivi dell’adesione alla strategia internazionale “Rifiuti Zero” sono una corretta gestione del territorio, la riduzione dell’impronta ecologica della macchina comunale e l’incentivazione di nuovi stili di vita. Prevista anche l’istituzione di un Osservatorio, che possa monitorare il percorso verso rifiuti zero, indicando soluzioni ed eventuali criticità.