Messina, Giovani Medici (SIGM) contro i tagli ai finanziamenti regionali per la formazione specialistica

manifestazione giovani medici sigmCentinaia di Giovani Medici (SIGM) di Messina, Catania e Palermo hanno manifestato per chiedere alla politica regionale un’assunzione di responsabilità a tutela degli specializzandi titolari di contratto a finanziamento regionale, già provati dai ritardi cronici nella corresponsione degli emolumenti da parte della Regione alle Università. Aperture sono state fatte dagli Assessori Regionali Borsellino e Scilabra e dal Presidente della Commissione Bilancio dell’ARS.

Si è svolto in data 22/04/2013 un sit in di fronte Palazzo dei Normanni, sede del Parlamento Regionale, messo in scena da centinaia di giovani medici in formazione specialistica, titolari di contratto a finanziamento regionale ed iscritti alle Università di Catania, Messina e Palermo, e di aspiranti specializzandi. La manifestazione, organizzata dal Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM), ha avuto l’obiettivo di chiedere alla politica regionale un’assunzione di responsabilità per garantire il finanziamento della formazione medica specialistica dei giovani medici siciliani.
“Abbiamo incontrato gli Assessori Regionali alla Salute ed alla Formazione e lo staff tecnico dell’assessore Regionale al Bilancio. Siamo stati al pari ricevuti dal Presidente della Commissione Bilancio dell’ARS. Abbiamo chiesto alla Regione di sanare un vecchio debito contratto con le Università Siciliane, non più in grado di garantire la regolare corresponsione degli stipendi, oltre che garanzie per la copertura dei contratti correnti. Abbiamo chiesto anche un impegno a finanziare nuovi contratti per gli aspiranti specializzandi siciliani, a fronte della previsione della carenza di medici che si profila da qui a qualche anno” – affermano Antonio Duca e Claudio Costantino, rispettivamente responsabili del SIGM Messina e Palermo.
I Giovani Medici (SIGM) hanno rappresentare lo stato di disagio in cui versano ed hanno chiesto ai politici l’impegno a porre correttivi urgenti in sede di approvazione di Finanziaria e Bilancio Regionale.
“La situazione è divenuta insostenibile già da tempo, registrandosi continui ritardi nella corresponsione degli stipendi. Comprendiamo le difficoltà economiche contingenti della Regione, ma chiediamo rispetto per la nostra dignità professionale ed umana e rivolgiamo un appello alla cittadinanza affinchè sia solidale con la nostra causa” – continuano Andrea Conti, rappresentante degli specializzandi al Senato Accademico di Messina e Oriana Amata consigliere al CdA dell’Ersu di Catania.

“Abbiamo chiesto che la Regione utilizzi i finanziamenti del FSE, alla luce della Direttiva UE sull’assistenza transfrontaliera, come parimenti proposto dall’Assessorato Regionale della Salute per provvedere alla copertura di contratti di formazione medico specialistica aggiuntivi già per l’a.a. 2012/2013. Un’apertura a valutare la fattibilità di tale percorso è stata data e sarà sottoposta al vaglio del Governo nelle prossime ore al fine di verificarne i tempi di attuazione”  afferma Walter Mazzucco, Presidente Nazionale del SIGM.

I Giovani Medici (SIGM) continueranno a monitorare lo stato delle cose ed a tal proposito si riuniranno in assemblea mercoledì 24 aprile per decidere quali iniziative assumere in maniera coordinata tra le sedi di Catania, Messina e Palermo nei giorni a seguire da qui all’approvazione della Legge Finanziaria e del Bilancio Regionale.